TORINO – Non sarà la ‘primavera dei verdetti’, il momento cruciale nel cammino stagionale progettato da Allegri, ma i primi giorni del 2019 saranno un test attendibile sulle ambizioni della Juventus. I bianconeri riprenderanno l’attività martedì 8 gennaio, giorno in cui si ritroveranno alla Continassa mettendo la parola fine alle vacanze invernali: sudore, chilometri e un motore da riavviare in vista dei primi impegni di gennaio. Il calendario prevede infatti il primo match ufficiale quattro giorni dopo, il 12 gennaio al Dall’Ara di Bologna contro i rossoblu nella sfida degli ottavi di finale di Coppa Italia: una partita ricca di incognite, dalla lunga sosta fino alla necessità per la squadra di Inzaghi di dare una svolta alla stagione fino a oggi decisamente tormentata. 

in riproduzione….

CRISTIANO TORNATO – Il ritrovo è fissato per l’8 gennaio ma Cristiano Ronaldo, dopo le vacanze a Dubai dove ha ricevuto il premio di miglior calciatore e per il miglior gol ai Globe Soccer Awards, è già rientrato a casa. In un video pubblicato su Instagram, il campione portoghese ha mostrato tutta la famiglia intenta ad allenarsi: il figlio Cristiano Junior sul tapis roulant, la compagna Georgina sulla pedana vibrante, CR7 in pausa a documentare. Il capocannoniere del campionato è già ripartito, deciso a farsi trovare pronto per il primo appuntamento agonistico del 2019.

SUPERCOPPA – La Coppa Italia con il Bologna sarà il primo passo a cui seguirà l’appuntamento del 16 gennaio a Gedda, in Arabia Saudita, con la Supercoppa Italiana contro il Milan di Rino Gattuso: una partita ricca di insidie e di polemiche, viste le limitazioni imposte alle donne saudite, che Max Allegri vorrà a tutti i costi fare sua per sfatare il tabù degli ultimi tre anni. La Juventus, infatti, è reduce da sette scudetti consecutivi e quattro coppe in fila, ma nelle ultime quattro edizioni è riuscita a spuntarla una sola volta, nel 2015, contro la Lazio a Shangai. 
 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml