Un sorriso sul viso di Maurizio Sarri nonostante il 3-3 finale. Il risultato dell’ultima amichevole asiatica della Juventus, quella contro i coreani del Team K-League, passa in secondo piano nella testa del tecnico bianconero: la fine della tournée iniziata a Singapore, passata per la Cina e conclusa in Corea del Sud è l’unica notizia che rende felice il nuovo tecnico bianconero. Il pareggio passa in secondo piano nel caldo umido del World Cup Stadium di Seoul, al pari della giornata di riposo concessa da Sarri a Ronaldo, rimasto seduto per tutta la partita: anche quando Cesinha allo scadere ha segnato il 2-1 per i coreani imitando l’esultanza del portoghese. Pochi minuti dopo è arrivato anche il dialogo chiarificatore tra i due, se davvero ci fosse stato bisogno di un chiarimento: un abbraccio tra i due è stata la miglior risposta a chi aveva già iniziato a ricamarci sopra parlando di lesa maestà. La partita è stata godibile, con la Juventus tenace nel recuperare dal 3-1 fino al 3-3, ottenuto con un gol di Matuidi e la splendida rete finale di Pereira che è valsa il pareggio.

in riproduzione….

Ritardo iniziale

Traffico e umidità sono stati i grandi nemici della Juventus anche nell’ultima partita della tournée asiatica: non a caso il match è iniziato in forte ritardo, 55 minuti, a causa del traffico che ha bloccato l’avvicinamento della Juventus allo stadio fin dall’aeroporto. Una volta iniziata la partita, con 29° e un’umidità vicina al 100% oltre a una formazione ampiamente rimaneggiata, era chiaro ai più che lo spettacolo sarebbe stato a intermittenza. Comprensibile, viste le condizioni, meno la scelta di molte squadre europee di sacrificare la fase di preparazione per improbabili tournée che riempiono  il portafogli, ampliano il mercato ma svuotano le gambe e le partite di contenuti. Ci hanno pensato i coreani, passati in vantaggio con Osmar, a rivitalizzare il match, prima del pareggio di Muratore e del nuovo vantaggio con Cesinha. Nella ripresa, con Sarri che ha aperto il recinto della panchina dando spazio a quasi tutti gli uomini a disposizione, ci hanno pensato prima Taggart quindi Matuidi e Pereira con un bellissimo gol a fissare il punteggio sul 3-3. Si  chiude senza una vittoria nei 90′ la tournée asiatica della Juventus: eppure il sorriso di Sarri da domani sarà ancora più ampio.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml