TORINO – “Disgusted”. Disgustati, nauseati o, se preferite, indignati. I dirigenti del Manchester United non hanno preso nel migliore dei modi la richiesta di Antun, il traghettatore che dovrebbe far arrivare in porto lo scambio tra il suo assistito, Paulo Dybala, e Romelu Lukaku. Una trattativa complicata: la differenza di prezzo tra i due calciatori, le richieste dell’argentino che vorrebbe 20 milioni di euro a stagione, la spada di Damocle dello sfruttamento dell’immagine del trequartista bianconero. Secondo il Sun, a Manchester non hanno preso nel migliore dei modi la richiesta di 15 milioni di euro come commissione per il “disturbo”. Una consuetudine quando le trattative assumono dimensioni mastodontiche come quella in corso tra Juventus e Manchester United: Lukaku ha già accettato stipendio, 9 milioni di euro all’anno, e destinazione, che gli permetterebbe di giocare la Champions League al fianco di Cristiano Ronaldo. Posizione diametralmente opposta a quella della Joya, che continua ad allenarsi da solo a casa in attesa delle visite mediche in programma lunedì. Nel mercato estivo più capriccioso degli ultimi anni, con diversi nodi da sciogliere e tanti volti imbronciati, la sensazione è che da un momento all’altro possa sbloccarsi la trattativa, dando via a un effetto domino che potrebbe cambiare i connotati di Juventus e Manchester United.

Il tempo sta per scadere

Il mercato inglese chiuderà l’8 agosto, ultimo giorno a disposizione per portare a termine lo scambio Lukaku-Dybala. Comunque vada a finire la trattativa, la Joya non sta certamente attirando le simpatie delle due società coinvolte. Se da un lato il Manchester United è, come anticipato, disgustato dalla richiesta di 15 milioni da parte di Antun e dei 20 milioni all’anno dell’argentino, che lo renderebbe il “diavolo rosso” più pagato, dall’altro la Juventus sta mostrando i muscoli all’enfant prodige con cui, solo due anni fa, era intenzionata a costruire un ciclo vincente. Gli esercizi in solitaria a casa filmati e postati su Instagram, il divieto ad allenarsi con i compagni almeno fino al 5 agosto, giorno in cui finiranno ufficialmente le vacanze: il muro contro muro è ormai in atto e in caso di mancato accordo le posizioni sarebbero troppo distanti per far finta di niente. Gli unici a non scordare Dybala sono sempre i tifosi, che continuano a tempestare il profilo dell’argentino di dimostrazioni di affetto. Che, purtroppo per loro, non basteranno: quando si deve far cassa non si guarda in faccia a nessuno. Tanto più che lo scambio con Lukaku sarebbe l’unica strada per vendere al prezzo richiesto la Joya: lo sanno bene anche a Manchester, che nelle ultime ore avrebbero inserito nella trattativa anche Mandzukic. Non più un affare a sé stante ma un pacchetto unico. Il tempo stringe e le parti si incontreranno nuovamente lunedì. Quando Dybala sosterrà le visite e riceverà, con tutta probabilità, l’abbraccio dei tifosi bianconeri.

Cancelo e Danilo

Se lo scambio tra Lukaku e Dybala è ancora in alto mare, quello con il Manchester City per arrivare a Danilo, sacrificando Cancelo, è in fase avanzata. In realtà sarebbe più corretto raccontarlo al contrario: la plusvalenza Cancelo è in rampa di lancio e comprenderà anche il laterale del City, Danilo, a cui sarà aggiunto un conguaglio. Il terzino portoghese della Juventus ha l’accordo con i Citizens già da un mese: nei prossimi giorni dovrebbe arrivare l’ufficialità. Da qualunque punto la si guardi, perdono completamente di significato le parole di Sarri al termine della tournée asiatica: “Da lunedì inizia il periodo più importante in cui lavoreremo sulla forma fisica e sugli aspetti tattici”. Visti i cambiamenti in seno alla rosa, almeno in attacco sarà necessario un Bignami di sarrismo.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml