“Ogni bottiglia restituita, è una bottiglia che non viene abbandonata”. La birra Ichnusa rilancia il vuoto a rendere inaugurando la nuova linea green di bottiglie. Si tratta di un’idea di confezionamento destinata a un circuito di riutilizzo: bottiglie vuote da rendere, piuttosto che da gettare via.

La nuova Ichnusa è riconoscibile dal tappo verde e dalla scritta ‘rispetto, riuso e impegno’, nel collarino della bottiglia da 66 cl, il formato più venduto in Italia, ma anche da 33 e 25 c,: per il momento distribuita per lo più ai bar e alla ristorazione. ‘A buon rendere’, perché permetterà il riutilizzo della stessa bottiglia per oltre vent’anni, con una riduzione sostanziale della quantità di vetro e di oltre un terzo le emissioni di gas a effetto serra, come stimato nella CF 27/18 di Certiquality.

La birra Ichnusa si tinge di verde e rilancia il vuoto a rendere

La scelta di Ichnusa di usare il verde, simbolo del rispetto per l’ambiente, era stata annunciata già lo scorso anno, ma di recente è stato presentato ad Assemini (Cagliari) il nuovo impianto di produzione che ha permesso allo storico birrificio sardo di ridurre sempre più la quantità di vetro utilizzato.

“La nostra è una terra preziosa, rispettiamola. Ma per farlo occorre un lavoro di squadra”: è questo lo slogan che l’azienda sarda usa per lanciare la sfida legata al rispetto dell’ambiene, utilizzando l’hashtag #ILNOSTROIMPEGNO (nome del progetto che Ichnusa sta portando avanti in Sardegna). La difesa dell’ambiente sta a cuore ai dipendenti dell’azienda che hanno diffuso uno spot talmente bello da ‘far venire la pelle d’oca’, dal 26 maggio in onda sulle principali emittenti televisive nazionali.

La birra Ichnusa si tinge di verde e rilancia il vuoto a rendere

I paesaggi sono quelli a cui ci ha abituati Ichnusa, quelli ruvidi della Sardegna scolpita dal maestrale, fatta di contrasti, storia millenaria e aspra natura. Paesaggi che sembrano non cedere al passare del tempo, che riescono a stupire e meravigliare con la loro cruda autenticità. Uno spot che parla di Sardegna e rispetto per il territorio. Un messaggio di amore a difesa di una ‘terra preziosa’, che pone un interrogativo che non lascia dubbi d’interpretazione. Ognuno, nel proprio piccolo, può e deve fare qualcosa per preservare e proteggere la propria terra, perché anche un semplice gesto, se condiviso da tanti, può fare la differenza.

La birra Ichnusa si tinge di verde e rilancia il vuoto a rendere

È un racconto a più voci perché, per la prima volta, accanto a Ichnusa c’è Legambiente Sardegna, da sempre impegnata nella promozione di un’economia circolare per preservare l’ambiente. A prestare il volto alla campagna sono i dipendenti dello storico birrificio di Assemini, il talento del Cagliari Calcio e della Nazionale Nicolò Barella, e il coach della Dinamo Basket, Gianmarco Pozzecco. Ichnusa sceglie di “fare squadra” con i suoi storici partner, come scandisce lo stesso messaggio che accompagna lo spot. La birra sarda, sponsor del Cagliari Calcio dalla stagione 2016/2017 e della Dinamo Sassari dal 2013, mette le sue sponsorizzazioni al servizio dell’ambiente.

La campagna #ILNOSTROIMPEGNO è un’evoluzione dello spot “Anima Sarda” lanciato nel 2017: stessa musica originale a scandirne il ritmo, così come è in continuità anche la scelta del bianco e nero, a sottolineare il carattere asciutto e senza tempo del marchio, che regala suggestioni e paesaggi immortali.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml