La Gazzetta di Mantova, il quotidiano più antico d’Italia fondato nel 1664 dai Gonzaga, rinnova il suo museo con una rara collezione di giornali del ‘600 e ‘700. Pezzi unici e rari, mai visti prima, acquisiti da un collezionista privato.

C’è un filo conduttore nell’informazione di quel periodo: la Gazzetta aveva una vocazione internazionale con corrispondenti nelle maggiori capitali europee e anche oltre: frequenti le notizie in prima pagina da Costantinopoli, scarse quelle da Mantova, spesso relegate in ultima pagina.

Da segnalare la copia del 1769 che riporta in prima la notizia del terremoto che ha raso al suolo Baghdad, notizia che impiegò sei mesi ad arrivare a Mantova; oppure, nel 1715, una corrispondenza dall’Argentina. Un viaggio nei 355 anni di storia del giornalismo con tappe indimenticabili come le leggi razziali, l’entrata in vigore della Costituzione, il primo uomo sulla Luna. Il museo, che raccoglie l’eredità della mostra a Palazzo Te del 2014 per i 350 anni, ha accolto tra i tanti visitatori il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
 
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml