L’azienda tedesca di borse per la bici non vuole che il portale di e-commerce compaia su Google, tra i negozi che vendono i suoi prodotti, perché tratta anche i concorrenti e fa loro pubblicità indebita. La Cassazione tedesca le dà ragione e ora potrebbe fare scuola


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml