ROMA – Nel debutto stagionale allo Stadio Olimpico, la Roma batte il Real Madrid ai rigori (7-6, 2-2 al 90′) in una pirotecnica amichevole che metteva in palio la Mabel Green Cup. Nel test senza dubbio più impegnativo del precampionato romanista, Fonseca ha ricevuto segnali oscillanti dalla sua squadra, molto discordanti e variabili a seconda del reparto. Se da un lato è sembrata in grande forma tutta la linea offensiva, con Dzeko schierato ancora titolare e autore di un bel gol, dall’altro a mostrare le maggiori lacune è stata soprattutto la difesa. Lì c’è ancora molto lavoro da fare, anche perché contro Lille, Bilbao e Real (gli unici avversari di prima fascia affrontati in amichevole) la Roma ha incassato due gol a partita. Non stupisce allora che Petrachi sia costantemente al lavoro per trovare un centrale difensivo titolare, elemento che appare imprescindibile per sistemare la linea arretrata. Il ds salentino sa che dovrà agire in fretta, perché tra due settimane è in programma l’esordio in campionato contro il Genoa.

Anche se non era la presentazione ufficiale della rosa, e nonostante il caldo torrido che avvolge Roma, all’Olimpico sono arrivate oltre 30 mila persone. Gli sparuti fischi per Dzeko all’annuncio delle formazioni sono stati coperti da una valanga di applausi e cori al momento della sua sostituzione. Insieme alla consueta contestazione per Pallotta (e ai fischi per Schick), sono stati tanti gli applausi per il nuovo allenatore portoghese che oggi disputava la sua prima partita all’Olimpico da allenatore della Roma. Piccola curiosità: al momento di lasciare il campo per i rispettivi sostituti a metà secondo tempo, Pellegrini ha ricevuto una vera e propria standing ovation, mentre per il capitano Florenzi i decibel sono stati nettamente inferiori.

Dzeko sempre più in forma. Zaniolo e Under in crescita

Per l’ultimo test precampionato prima dell’esordio in Liga di sabato contro il Celta Vigo, Zidane ha lasciato a riposo Sergio Ramos, alla prese con guai fisici, ma anche Mariano Diaz e James Rodriguez, entrambi fuori dal progetto e al centro di voci di mercato: il primo interessa proprio alla Roma per il dopo-Dzeko, mentre il colombiano è da mesi corteggiato dal Napoli. Con grande sorpresa della stampa spagnola, Zizou ha voluto ridare fiducia a Gareth Bale inserendolo a gara in corsa malgrado il gallese sia ai ferri corti con il club: in Spagna prende piede l’ipotesi che, con il grave infortunio di Asensio, Bale possa restare a Madrid fino a gennaio. Senza contare che Florentino Perez sta cercando disperatamente di soffiare al Psg nientemeno che Neymar.

La Roma, senza gli infortunati Pastore, Veretout e Nzonzi, è partita subito forte, anche se il pressing alto e asfissiante predicato da Fonseca si è visto solo a sprazzi: un po’ perché il Real Madrid è maestro nel far girare palla e un po’ perché di asfissiante, all’Olimpico, stasera c’era solo il caldo. A passare in vantaggio è stato proprio il Real, con un bel destro a giro di Marcelo al quarto d’ora. Il pareggio è arrivato con Perotti, che ha sfruttato un ottimo contropiede di Zaniolo che è partito addirittura dalla propria metà campo. Blancos di nuovo avanti al 39′ con Casemiro, ma dopo pochi secondi Dzeko ha pareggiato con un bel tiro su assist di un ottimo Under. Nella ripresa i ritmi sono comprensibilmente calati, le emozioni del primo tempo sono state un lontano ricordo e i due allenatori hanno dato il via alla girandola di sostituzioni. Nella Roma Diawara ha preso il posto di Pellegrini, Spinazzola quello di Florenzi, Kluivert per Perotti, Antonucci per Zaniolo mentre Schick è subentrato a Dzeko beccandosi un bel po’ di fischi dal pubblico. Al fischio finale, sono stati i rigori a dare la vittoria alla Roma: decisivo l’errore di Marcelo che ha stampato il pallone sulla traversa.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml