La Perla Verde ci prova: perché non diventare patrimonio Unesco dell’umanità? Oggi si è costituita l’associazione per la candidatura della spiaggia di Riccione, una delle più note località della Riviera romagnola. Da tempo la proposta è stata avanzata, dai bagnini agli albergatori, col patrocinio del Comune. Ora è partito l’iter.

L’idea, spiega l’associazione, è “identificare la spiaggia intesa come bene comune di questa comunità, favorendo così il completamento dell’iter di presentazione del dossier di documentazione per la candidatura sulla lista del patrimonio immateriale riconosciuto e tutelato dall’Unesco”.

Così è partito il percorso di recupero, valorizzazione e innovazione degli usi sociali della spiaggia di Riccione e di quelle della costa emiliano-romagnola, che “condividono le stesse caratteristiche identitarie, espresse, da sempre e a tutt’oggi, nell’incontro tra residenti e turisti”.

Il presidente dell’associazione, che tiene insieme tutte le associazioni di categoria, il Club nautico Riccione e la Lega navale italiana, è Diego Casadei, vicepresidenti Fausto Ravaglia e Tarcisio Villa.
 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop