ROMA – Evidentemente abbiamo un’attrazione ancestrale con quella parte lì. Sì quella lì, quella dove non batte il sole. Chiunque passa per Atletico-Juve o anche Juve-Atletico sente il bisogno di toccarla, indicarla, farne riferimento, e condire il tutto gesticolando come si conviene a un degno maschio latino. La tribù dei trogloditi si allarga a vista d’occhio: dopo aver segnato tre gol all’Atletico Madrid, Ronaldo agita le braccia dall’alto in basso e converge inequivocabilmente verso il membro.
 

in riproduzione….

E’ la risposta da portoghese juventino ex madridista, al macho argentino Simeone che si era invece strizzato pubblicamente la parte a esibire la presenza di grandi e poderosi “huevos”. Il gesto è contagioso, e spinge tutti a farne riferimento. Del resto Fabio Caressa, telecronista di Sky, aveva cominciato la sua epica cronaca di Juve-Atletico 3-0 con uno stentoreo “Aquì tambien tenemos huevos!”. Fermi tutti, ce lì abbiamo pure noi i quegli attrezzi lì. Per finire a Bonucci in tv che trionfante nel dopo partita spiegava la vittoria tecnicamente così: “Ci abbiamo messo i coglioni”!  Alé, vai e siamo solo ai quarti di finale…

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml