MILANO – I tifosi si sono innamorati subito di lui, ma prima di vederlo protagonista in nerazzurro c’è stato bisogno di tempo. Ora Lautaro Martinez è diventato importante, ha sfruttato le chance che gli ha dato Luciano Spalletti nel periodo in cui è mancato Mauro Icardi, poi un infortunio lo ha fermato, ma ora è pronto per riprendere il cammino. “I primi sei mesi sono stati di adattamento. Ho cambiato Paese, squadra e campionato – spiega in un’intervista a La Oral Deportiva -. Non ho fatto gli stessi minuti che facevo al Racing, ma mi sono sempre allenato per entrare bene quando mi toccava. Ora sto recuperando da un infortunio, spero di sommare minuti e aiutare al meglio la squadra”.

Al suo rientro troverà di nuovo Mauro Icardi, in campo dopo la lunga assenza per i problemi con la società. Come sempre Lautaro Martinez elogia il connazionale e ne riconosce i meriti che ha avuto nel suo inserimento nell’ambiente nerazzurro. “Dal primo momento in cui sono arrivato mi ha chiamato e aiutato in tantissime cose, questo è molto buono per formare un nuovo gruppo”.

Ora toccherà a Spalletti farli giocare insieme. “Abbiamo cambiato alcuni sistemi di gioco, quello che più utilizzato è con una mezza punta dietro al ‘9’. Abbiamo giocato insieme e mi sono trovato bene. Io lavoro sempre per dare il meglio. Il numero sulle spalle serve per identificarti e io so cosa significa essere il ’10’ dell’Inter”, dice Lautaro Martinez che parla anche dell’Albiceleste. “Io faccio di tutto nel club per far sì che possa essere convocato con l’Argentina. Ogni volta che mi chiamano sono molto felice. Quando metto la camiseta sento qualcosa di speciale. Voglio essere nella prossima lista dei convocati e in tutte quelle che verranno”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml