ROMA – Un 1-0 tira l’altro: dopo la vittoria di misura a Frosinone, la Lazio supera con lo stesso punteggio anche l’Empoli nell’anticipo della 23esima giornata. Stesso risultato e stesso marcatore: a decidere la gara è infatti Felipe Caicedo (schierato al posto dell’infortunato Immobile), abile a trasformare un rigore da lui stesso guadagnato su grave ingenuità di Provedel. Biancocelesti momentaneamente al quarto posto, i toscani invece rischiano il sorpasso da parte del Bologna.

OUT IMMOBILE E LUIS ALBERTO – Inzaghi non recupera Immobile e Luis Alberto, in attacco ci sono Correa e Caicedo. Iachini conferma Farias e fa esordire Dell’Orco. Succede pochissimo nel primo tempo: dopo 10′ svarione di Radu, ma Caputo non ne approfitta, dall’altra parte percussione centrale di Correa con tiro ben respinto da Provedel.

ANCORA CAICEDO – Ritmi blandi, la partita si sblocca a causa di un’ingenuità. E la frittata (non la prima nelle ultime partite dell’Empoli) la combina Provedel: il portiere azzurro perde tempo prima di rinviare, Caicedo è abile a soffiargli il pallone prima di essere falciato. Rigore sacrosanto che l’attaccante suadmericano (nonostante volesse tirarlo Correa) trasforma con un tiro angolatissimo, Provedel indovina la traiettoria ma non riesce a parare.

SILVESTRE SFIORA IL PARI – Ad inizio ripresa Milinkovic-Savic dà forfait per una botta al ginocchio, al suo posto entra Cataldi. Caicedo, il migliore dei suoi, lancia Correa che però spara altissimo fallendo il raddoppio. Da quel momento Lazio, vuoi per stanchezza vuoi per la poca qualità, sparisce dalla zona offensiva: l’Empoli non ne approfitta nonostante l’inserimento di Oberlin al posto dello spento Farias. L’occasione più nitida capita nel finale con un colpo di testa di Silvestre che sfiora soltanto il palo. Un brivido per tutto l’Olimpico che però, dopo i 3 minuti di recupero, può festeggiare la vittoria ed il momentaneo ritorno al quarto posto. I ragazzi di Iachini restano invece a quota 18 e ora rischiano il sorpasso da parte del Bologna.

LAZIO (3-5-2): Strakosha 6; Bastos 5.5, Acerbi 6.5, Radu 6; Romulo 6, Milinkovic-Savic 6 (13’st Cataldi 6), Leiva 6.5, Berisha 5.5 (32’st Badelj 6), Lulic 6; Correa 5.5, Caicedo 6.5 (39’st Neto sv). In panchina: Guerrieri, Proto, Luiz Felipe, Patric, Durmisi, Kalaj, Jordao, Marusic, Zitelli. Allenatore: Inzaghi.
EMPOLI (3-5-2): Provedel 5; Veseli 5.5, Silvestre 6, Dell’Orco 6; Di Lorenzo 6, Krunic 5.5, Bennacer 6, Traore 5.5 (24’st Acquah 6), Pasqual 6 (43’st Mchedlidze sv); Farias 5 (6’st Oberlin 6), Caputo 6. In panchina: Perucchini, Brighi, Pajac, Antonelli, Maietta, Rasmussen, Diks, Nikolaou, Ucan. Allenatore: Iachini.
ARBITRO: Chiffi di Padova.
RETE: 42’pt Caicedo (rig) al 41′.
AMMONITI: Acquah e Pedro Neto.
ANGOLI: 3-2 per la Lazio.
RECUPERO: 1′ e 3′.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml