PADERBORN – Un poker tira l’altro. A distanza di 24 ore dal successo per 4-3 contro il Bournemouth, la Lazio ci prende gusto e rifila altre quattro reti, questa volta al Paderborn, squadra tedesca neopromossa in Bundesliga.

Milinkovic in campo 81′

Alla Benteler-Arena ben otto novità nel solito 3-5-2 scelto da Simone Inzaghi rispetto alla sfida di venerdì sera in Inghilterra. Confermati tra i titolari Strakosha tra i pali, Vavro e Acerbi nella difesa completata da Bastos. Per il resto rivoluzione totale: Patric e il nuovo acquisto Jony sugli esterni, Milinkovic-Savic, Cataldi e Andre’ Anderson in mediana con Adekanye e Caicedo in attacco. Al 13′ Milinkovic sfiora il palo, al 19′ Caicedo porta avanti i biancocelesti con un semplice tap-in dopo il tentativo di Patric respinto dal portiere avversario. Strakosha è attento su due tentativi di Proger, poi al 33′ arriva il raddoppio laziale firmato da Danilo Cataldi. Il primo tempo si chiude con l’incredibile autorete di Jans, che con un retropassaggio di testa prende in controtempo il suo portiere Huth. Nella ripresa cala il ritmo della Lazio e il Paderborn ne approfitta trovando il gol del 3-1 al minuto 68 con Antwi-Adjei. I padroni di casa accorciano ancora le distanze al minuto 88 con Souza, ma pochi secondi dopo Lulic chiude i conti con la rete del definitivo 4-2. Da segnalare il ritorno in campo di Valon Berisha che, all’81’, ha preso il posto di Milinkovic-Savic che sta continuando regolarmente a giocare nonostante le voci di mercato.

Parolo: “Due ottimi test”

“Da piccolo giocavo come libero, in difesa: per me esser stato schierato oggi come centrale ha rappresentato un ritorno alle origini. Siamo felici per aver portato a termine due vittorie: sono arrivate risposte importanti da parte di tutti i calciatori che sono stati schierati nelle ultime 24 ore. Stiamo entrando tutti in condizione. Abbiamo le dee chiare su quello che dovremo fare nella prossima stagione”. Così, al termine della gara, il jolly biancoceleste Marco Parolo, subentrato al 69′ al posto di Acerbi, ha parlato della sua nuova posizione difensiva. “La vittoria in Coppa Italia ci ha dato la consapevolezza di essere una squadra importante, gli allenamenti sono sempre intensi e alziamo sempre qualità del palleggio”, ha aggiunto il centrocampista biancoceleste: “Sono al sesto anno alla Lazio e credo che questo sia stato uno dei migliori ritiri. Queste tre settimane di allenamenti prima dell’inizio del campionato ci serviranno a lavorare su ogni dettaglio. Aver aggiunto giocatori di qualità alla rosa ha alzato la competitività all’interno del gruppo e c’è in tutti più voglia di crescere e di migliorarsi”. La Lazio resterà ora in Germania e raggiungerà Marienfeld, distante circa 60 chilometri da Paderborn, dove come ormai è abitudine svolgerà la seconda parte della preparazione estiva. Sabato prossimo, poi, i ragazzi di Simone Inzaghi raggiungeranno Vigo per sfidare il Celta in amichevole.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml