Questa volta Antonio Conte non ‘rosicherà’ come nel post Juventus: l’Inter in netta crescita ma con l’attacco spuntato ha, infatti, vinto ai rigori per 7-6 (al 90′ 1-1). Lo ha fatto contro il Psg nell’ultima amichevole asiatica – giocata a Macao – prima del rientro in Italia. Kehrer di testa porta in vantaggio i francesi al 4′ della prima frazione di gioco, a pareggiare i conti ci pensa Longo al 49′ nella ripresa. L’1-1 porta le due formazioni ai rigori dove trionfano i nerazzurri grazie a due parate di Handanovic su Aouchiche e Zagre, errore dal dischetto, invece, per Candreva che colpisce la traversa. Joao Mario centra il penalty e regala il successo ai compagni. Esordio per Barella e Godin.

“E’ stata una partita difficile, ma abbiamo fatto una buona prestazione. Abbiamo avuto più occasioni di loro per segnare, poi fortunatamente l’abbiamo raddrizzata all’ultimo. Partita dopo partita, stiamo facendo sempre meglio: stiamo crescendo molto seguendo le indicazioni del mister”, il commento a fine partita di Milan Skriniar. A far eco ai pensieri del centrale ci sono quelli di Alessandro Bastoni: “L’impronta che ci sta dando Conte si vede, miglioriamo giorno dopo giorno”.

L’Inter migliora gara dopo gara e presto potrebbe avere un nuovo regalo per alzare ulteriormente il tasso tenico. Il messaggio lo manda direttamente Lukaku via Twitter pubblicando una foto in compania del suo agente Federico Pastorello corredata da una frase densa di significato: “Presto novità”. In tal senso a breve potrebbe esserci un rilancio dell’Inter allo United con una proposta di 70 milioni più bonus. La prossima settimana sarà decisiva.

Dopo la partita Antonio Conte ha parlato in conferenza stampa: “Sono contento perché penso, per quello che si è visto, che non meritassimo la sconfitta. Al di là del risultato devo fare delle valutazioni calcistiche e devo essere onesto, continuo a vedere importanti miglioramenti. Soprattutto nella mentalità dei ragazzi, nella voglia di giocare a calcio, nella voglia di aggredire l’avversario a metà campo, nella voglia di conquistare palla quando la perdiamo. Sicuramente questo è un aspetto molto positivo, quello che ho trovato è grande disponibilità. Questo mi dà entusiasmo per proseguire su questa strada. Mi ha fatto piacere che abbiano provato fino all’ultimo e poi abbiamo trovato il gol, non ci deve mai piacere perdere, né in amichevole né ai rigore e questo è quello che ha dimostrato la mia squadra, di non starci. Meritavamo molto di più”.
 
PSG-INTER 6-7 dcr 1-1 al 90′
PSG (3-4-2-1): Areola; Kehrer (29′ st Mbe), Kurzawa (29′ st Bakker), Diallo; Meunier (29′ st Dagba), Herrera (29′ st Kouassi), Verratti (29′ st Zagre), Bernat (29′ st Hernans); Sarabia (29′ st Aouchiche), Draxler (29′ st Jese); Mbappé (29′ st Cavani). All. Tuchel.
INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar (38′ st Pirola), De Vrij (21′ st Ranocchia), Bastoni (21′ st Godin); D’Ambrosio (45′ st Agoumé), Barella (38′ st Joao Mario), Brozovic (21′ st Borja Valero), Sensi (21′ st Gagliardini), Dalbert (21′ st Candreva); Esposito (21′ st Longo), Perisic (38′ st Colidio). All. Conte.
MARCATORI: Kehrer (P) al 41′ pt; Longo al 49′ st
SEQUENZA RIGORI: Cavani gol, Ranocchia gol, Jesé gol, Gagliardini gol, Diallo gol, Colidio gol, Aouchiche parato, Agoumé gol, Hernans gol, Candreva traversa, Mbe gol, Longo gol, Zagre parato, Joao Mario gol.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml