UNA GUIDA per vivere il territorio con descrizioni, esperienze e segreti di chi lo abita e lo conosce a fondo. Immergendosi in una sensazione locale. Tutto solo grazie alla realtà aumentata sonora, mentre si cammina o si è alla guida, in bici o sui mezzi pubblici. A questo serve Loquis, un progetto italiano di guida multimediale.
 
In concreto si tratta di un’applicazione gratuita per iOS e Android. Funziona proprio come un navigatore ma al posto delle direzioni stradali propone al visitatore e al turista storie e notizie (in cinque lingue) sui luoghi attraversati, informazioni in gran parte inedite, suggestioni ed eventi. Adesso Loquis, che a Roma è nata ed è presente in tutta Italia con oltre 50mila contenuti, lancia due nuovi canali dedicati alla Capitale grazie a un confronto con l’assessorato alla Crescita culturale e l’assessorato di Roma Semplice.
 
I due nuovi canali disponibili si chiamano “Contemporaneamente Roma” e “Biblioteche di Roma”. Il primo è dedicato alla manifestazione promossa dal comune che fino al 21 dicembre propone un ricco programma di eventi culturali diffusi sul territorio. Il secondo ruota intorno alle attività – a ingresso gratuito – organizzate dalle 39 biblioteche del Comune di Roma.

I contenuti di Loquis, frutto della società GeoRadio guidata da Bruno Pellegrini (TheBlogTv, BabelTv, Userfarm), sono realizzati dalla redazione, dai partner e dagli utenti appassionati di tutta Italia. Sono organizzati in canali che possono essere scelti e seguiti secondo i propri interessi, come dei podcast sul territorio: dal patrimonio culturale, arte, storia, ai personaggi famosi, le location dei film, le memorie di quartiere, gli eventi da non perdere, i sapori, le botteghe artigiane. E ancora: gli appuntamenti per i bambini, la toponomastica raccontata, la cronaca noir, le esplorazioni psico-geografiche, la street art, le feste più cool. E per chi viaggia, non mancano i consigli su cosa vedere e dove mangiare per ogni uscita del casello autostradale. 
 
 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml