Allerta meteo in Puglia, con il vento a 35 nodi che ha portato un mercantile a incagliarsi sui frangiflutti davanti alla spiaggia di Pane e pomodoro, davanti al lungomare sud di Bari. Si tratta del cargo turco Efe Murat, partito venerdì 22 febbraio fa dal porto di Ortona (Abruzzo)  – dopo aver scaricato del grano – e diretto ad Aliaga in Turchia.

Nella notte, a causa del vento,  il comandante aveva ipotizzato di ormeggiare il mercantile nel porto di Bari ma, dopo aver ottenuto il permesso, ha cambiato idea ritenendo di poter proseguire la navigazione. Non è chiaro se la nave abbia subito un guasto mentre navigava davanti alla costa barese o se la forza del vento e del mare l’abbia spinta sugli scogli. Per quanto è stato ricostruito fino ad ora non sembra che la nave abbia subito un guasto ma che la forza del vento l’abbia spinta contro gli scogli.

Di certo c’è che si trova poggiata sulla barriera frangiflutti e probabilmente anche incagliata sul fondale, che in quella zona è molto basso. Immediati i soccorsi della Guardia costiera, che è intervenuta con le sue motovedette e sta coordinando i tentativi di avvicinamento da parte di due rimorchiatori. Le operazioni sono rese molto complicate dalle onde e dal vento: non sono previsti miglioramenti.

A bordo ci sono 15 persone di equipaggio tutte di nazionalità turca. Il cargo sarebbe completamente scarico e questo non determinerebbe problemi di natura ambientale.

A Bari è ancora vivo il ricordo della tragedia del Norman Atlantic, il traghetto che, nella notte tra il 28 e il 29 dicembre 2014, prese fuoco mentre viaggiava nel Canale d’Otranto. Nel naufragio ci furono 31 vittime, 19 delle quali mai ritrovate, e 64 feriti. Anche in quelle circostanze, le pessime condizioni meteo-marine resero molto difficili i soccorsi, effettuati con mezzi navali ed elicotteri. Lo scheletro del Norman è ancora ormeggiato nel porto di Bari.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml