Dopo i temporali che hanno flagellato ieri il lecchese e la zona di Bolzano, per oggi si attende ancora maltempo diffuso sul settore Nord-orientale, con allerta meteo arancione per rischio temporali su parte della Lombardia e allerta gialla su parte di Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e sull’intero territorio di Veneto e Friuli Venezia Giulia.

A Casargo, la località più colpita in provincia di Lecco, gli interventi di soccorso dei vigili del fuoco sono andati avanti per tutta la notte. Questa mattina si contano ancora 80 persone sfollate, allontanate dalle loro abitazioni per il pericolo frane e inondazione, che sono state alloggiate nella scuola alberghiera e potranno rientrare accompagnate nella zona rossa per recuperare oggetti personali. Purtroppo per oggi sono previsti altri temporali e la situazione resta difficile. I vigili del fuoco sono al lavoro per liberare la strada Sp67 che da Taceno conduce a Premana, ancora parzialmente isolata.

in riproduzione….

Intanto il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza nei territori delle province di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Vibo Valentia, interessati da eccezionali eventi meteorologici tra il 14 e il 22 giugno. “Il governo ci dia lo stato di calamità”, chiede ora il sindaco di Casargo, Leonardo Pasquini, che aggiunge: “la situazione è sotto controll,  ma l’allerta rimane alta”. In molte località, come per esempio ieri a Bolzano, ora si teme anche per la vendemmia.

LE PREVISIONI REGIONE PER REGIONE

Oggi si temono temporali e grandinate soprattutto in Veneto, dove l’Arpav prevede fenomeni localmente intensi con forti rovesci, forti raffiche di vento e grandinate sulle zone montane e pedemontane ma anche sulla pianura centro settentrionale. E mentre al Nord si attendono altri temporali e le condizioni meteo saranno in generale non buone, al Sud si prevede una nuova ondata di calore che interesserà soprattutto Sicilia e Sardegna.

La perturbazione che oggi interesserà il Nord, scivolera’ verso sud est, coinvolgendo il Veneto, l’Emilia-Romagna e domani anche l’Appennino Tosco-Emiliano tra Toscana, Umbria e Marche. Al Sud i termometri potranno salire fino a 40 gradi sulle aree interne delle Sardegna, come a Sanluri e Carbonia, ma anche in Sicilia, come a Siracusa e Catania. Molto caldo sul resto del Sud con temperature oscillanti intorno ai 35-37  gradi specie su Calabria, area ionica della Basilicata e sud della Puglia. I valori massimi saliranno anche su molte zone del centro, ad esempio a Roma e Firenze dove domani si toccheranno picchi intorno ai 34-35 gradi. Si starà un po’ meglio lungo i litorali anche se l’umidità favorirà l’afa.

Un generale miglioramento è previsto a partire da venerdì e per tutto il fine settimana.

Le previsioni meteo per oggi al Nord

Molte nubi su tutte le regioni, meno compatte sul basso Veneto, con rovesci e temporali sparsi, localmente più consistenti su Levante ligure, Appennino emiliano e Friuli Venezia Giulia. Generale miglioramento in serata con attenuazione dei fenomeni e diradamento della nuvolosità.

Le previsioni meteo su Centro e Sardegna

Nubi compatte fino al pomeriggio su Toscana, Umbria e Marche con qualche rovescio atteso in particolare sulla Toscana; seguiranno ampie schiarite. Bel tempo altrove con temporaneo transito di nubi in un contesto asciutto.

Le previsioni meteo per Sud e Sicilia

Condizioni di tempo stabile su tutte le regioni con formazione di nubi basse a fine giornata lungo le coste tirreniche peninsulari.

 


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop