Di nuovo maltempo nel week-end. Le prime avvisaglie del peggioramento sono attese già da oggi poi, tra domani e domenica, temporali con possibile grandine e addirittura la neve investiranno l’Italia. Il sito IlMeteo.it segnala che da oggi un fronte instabile accompagnato da correnti in discesa dal Nord Atlantico si avvicina all’Italia facendo peggiorare le condizioni meteo su buona parte delle regioni del Centro Nord. Col passare delle ore si prevedono rovesci a carattere temporalesco in particolare su Piemonte, Lombardia, Liguria (specie i settori di Levante), Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Tra il pomeriggio e la sera le piogge raggiungeranno anche Toscana, Umbria, Marche e Lazio, come a Roma. Domani l’alta pressione, prevista in momentaneo rinforzo, riuscirà a garantire maggiore stabilità atmosferica specie nella prima parte della giornata. Poi, nel corso del pomeriggio, qualche isolato rovescio interesserà gli estremi settori nordorientali tra Alto Adige, Veneto orientale e Friuli Venezia Giulia.

Domenica un ciclone ricolmo di aria fredda si addosserà all’arco alpino centro orientale facendo letteralmente crollare le temperature di diversi gradi in pochissimo tempo. Il tutto sarà accompagnato da precipitazioni molto intense con veri e propri nubifragi con grandine sulle province di Udine, Gorizia e Trieste. Anche sul Veneto non mancheranno le piogge e i temporali in estensione poi anche ad Emilia Romagna quindi Toscana, Umbria e Marche. La novità più interessante di questo fine settimana sarà il ritorno straordinario della neve con i fiocchi che si spingeranno molto in basso (per essere a fine aprile) fin verso i 700-900 metri di quota con la possibilità di vedere nevicate diffuse sulle Dolomiti e copiose sulle Alpi Carniche e Giulie.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml