ROMA – Il caldo darà tregua, a partire dal Nord. La settimana in arrivo vedrà arrivare piogge e temporali a partire dalle regioni settentrionali, dove è prevista ancora instabilità, che si estenderà alle regioni centrali. Le prime avvisaglie arriveranno fin dalla serata di oggi, con rovesci che interesseranno Toscana e Marche. Poi, a partire dalle prime ore di domani, le precipitazioni persisteranno su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino ed Emilia-Romagna. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento, come segnala l’allerta della Protezione Civile.

Per lunedì è stata valutata un allerta gialla per rischio temporali in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna oltre che sul Trentino e sui settori centro-settentrionali delle Marche. Stesso grado di allerta è previsto per anche per rischio idrogeologico sui settori costieri di Toscana e Abruzzo.

Temperature in calo

Il maltempo porterà un calo delle temperature, che nelle prossime ore scenderà a minime tra 20° e 25° e massime tra 30°-35° al Nord e 32°-37 al Sud. Da martedì nelle regioni settentrionali si avrà un marcato peggioramento, specie dal pomeriggio con rovesci e temporali diffusi, a tratti anche di forte intensità in Val Padana. Temperature in generale diminuzione, massime tra 25° e 30°. Mentre al Centro le condizioni meteo peggioreranno inizialmente tra Marche e Toscana con temporali verso i restanti settori, specie adriatici. Le temperature subiranno allora un brusco calo, con massime tra 28° e 33°. Mentre al Sud si registrerà ancora bel tempo, anche se con primi fenomeni in arrivo su Molise, Gargano e dorsale campana. Le temperature saranno in flessione, con massime tra 31° e 36°.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop