E’ all’insegna del maltempo il ponte che porta al 25 aprile. Il ciclone mediterraneo che avanza dal nord Africa verso il sud della Sardegna porta “un pesante carico di pioggia, temporali e grandine, e pure neve in montagna”, assicura ilmeteo.it

Oggi lo scenario meteorologico porta un drastico peggioramento. Colpite da forti piogge e temporali tutte le regioni del CentroNord. Temporali e grandine saranno possibili sul Lazio, anche a Roma, a salire sulla Toscana e le Marche. Nella notte e al mattino il meteo peggiora sulle regioni settentrionali con forti rovesci anche a sfondo temporalesco sia sull’Emilia Romagna e Liguria, sia poi su Piemonte, Lombardia e Alpi, qui con neve a circa 1.500 metri.

E mentre il maltempo vira a Nord, all’estermo Sud cominciano ad attenuarsi i fenomeni con rapido miglioramento. Continuano i forti venti di scirocco che ieri hanno causato una vittima in Sardegna. Per il bel tempo, almeno al Centro-Sud bisognerà aspettare il 25 aprile quando “l’Italia si troverà a metà strada tra una vasta area di bassa pressione atlantica ed un promontorio anticiclonico sub tropicale”, spiegano gli esperti di 3bmeteo. Quindi le regioni settentrionali saranno piu’ coinvolte da moderati venti instabili legati alla depressione con perno sul Regno Unito e ci sarà la possibilità di qualche acquazzone o breve temporale soprattutto su Alpi e Prealpi. Al Centro le condizioni meteo saranno nel complesso discrete con un passaggio di nubi stratiformi; qualche fenomeno ad oggi è previsto lungo l’appennino, i rilievi sardi e nelle zone interne della Toscana. Le regioni meridionali, invece, più vicine all’alta pressione, godranno di tempo più asciutto seppur con un cielo non del tutto libero dalla nuvolosità per il passaggio di nubi medio alte.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml