ROMA. Le temperature miti che già fanno assaggiare la primavera continuano a sussistere in gran parte d’Italia, anche se la discesa di un fronte instabile dal nord Europa porterà qualche peggioramento. Già da ieri era prime piogge su Marche, Abruzzo, basso Lazio, Molise. E oggi ancora su Campania, Basilicata, Puglia e settori tirrenici di Calabria e Sicilia. In Calabria potrà esserci anche qualche temporale con grandine.

Domani, 3 marzo, l’alta pressione tornerà su tutta l’Italia con la conseguenza di una giornata piena di sole ovunque e un clima caldo e temperature sopra la media. Nelle ore centrali e pomeridiane si raggiungeranno temperature estive, superando i 15 gradi al Centro-Nord e punte massime vicine ai 20 gradi in Sardegna e in Sicilia. Dal pomeriggio sono attesi annuvolamenti compatti su Liguria, le aree settentrionali di Veneto e Friuli Venezia Giulia, in estensione serale anche ad Emilia e basso Piemonte; foschie dense o locali banchi di nebbia sulla Pianura Padano-veneta in rapido dissolvimento mattutino.

Lunedì, 4 marzo. Torneranno le piogge su gran parte della penisola che raggiungeranno una copertura pressocché totale alla fine della prossima settimana, venerdì 8 marzo, fra velature, pioggerelle e fenomeni più intensi.

 




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml