MILANO – Il mercato del Milan continua a girare intorno ai tre ruoli offensivi del 4-3-1-2 di Giampaolo: il trequartista e le due punte. Prosegue il gioco a incastri che potrebbe sbloccare il trasferimento di Correa in rossonero dopo una lunga trattativa. Ora si aggiunge un altro tassello dopo il passaggio di Rodrigo all’Atletico Madrid che obbliga il club spagnolo a fare cassa per ripagare l’investimento sul nuovo attaccante. Il sostituto di Rodrigo al Valencia potrebbe essere André Silva: in questo modo il Milan avrebbe le risorse necessarie per chiudere l’acquisto di Correa.

Bruno Fernandes difficile

André Silva piace anche all’Espanyol. In alternativa potrebbe diventare una pedina di scambio con lo Sporting Lisbona per Bruno Fernandes, trequartista allenato da Giampaolo alla Sampdoria nella stagione 2016-17. Ma non è una pista facile da percorrere vista la valutazione di 70 milioni dell’ex centrocampista offensivo di Novara e Udinese (anche Manchester United e Tottenham si sono arrese di fronte a queste cifre). Intanto il club rossonero monitora la situazione di James Rodriguez che continua a non rientrare nei progetti di Zidane al Real e non ha ancora trovato una nuova sistemazione alla luce dell’impasse con Napoli e Atletico Madrid. Oggi pomeriggio ai dirigenti rossoneri è stato proposto Andrea Petagna, il centravanti della Spal cresciuto nel vivaio rossonero. E’ stato questo il contenuto di una visita in sede del suo agente Giuseppe Riso. Improbabile un ritorno del bomber.

Prima le cessioni

Ma prima di fare un altro scatto sul mercato il Milan deve perfezionare alcune cessioni oltre a quella di André Silva: in uscita anche Laxalt e Castillejo. Richieste per Andrea Conti. Discorso diverso per Donnarumma e Suso. Per l’azzurro e lo spagnolo saranno prese in considerazione solo maxi-offerte. Il portiere non vuole lasciare il Milan. E il numero 8 è sempre più al centro del progetto di Giampaolo che ha puntato sull’ex Genoa per il ruolo di trequartista. In rosa esistono altri papabili per il ruolo, come Bonaventura e Calhanoglu (Paquetà viene considerato più mezzala dall’allenatore rossonero). Ma Suso sta dando ottime risposte.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml