MILANO –  “Il caso Bakayoko-Kessié? Non voglio fare polemica, sono stato uno dei primi a parlare e il club è stato molto bravo a dire quello che doveva. Più di chiedere scusa non si può fare”. Così Gennaro Gattuso torna sulle polemiche nate per il gesto di Kessie e Bakayoko al termine di Milan-Lazio con i due giocatori rossoneri che hanno mostrato la maglia di Acerbi.

Milan e Lazio si ritroveranno di fronte la prossima settimana nella semifinale di ritorno di coppa Italia: Mercoledì ho un sogno: pensare solo alla partita, entrare tutti quanti abbracciati, così le polemiche si possono mettere da parte – ha spiegato Gattuso alla vigilia della trasferta di Parma -. Io da calciatore ho fatto più di qualche gesto sbagliato, quando uno si assume la responsabilità può finire là, ci sta che un essere umano sbagli”.
Parlando di Bakayoko e Kessie, l’allenatore ha aggiunto: “Si è parlato tanto dell’episodio. E’ normale, a livello mentale può lasciare qualcosa, ma è gente forte di testa, si sono fatti scivolare tutto addosso. Sanno di aver sbagliato, e li ho visti bene in settimana”.

Quanto alla sfida di Parma, Gattuso dice: “All’andata non meritavamo di vincere, il Parma è una squadra che sa quello che vuole fare. Dobbiamo essere bravi a entrare subito col piglio giusto: ci giochiamo tanto sia noi che loro. Il Tardini è uno stadio in cui storicamente il Milan ha sempre fatto fatica. Ci sarà da battagliare, ci stiamo giocando tanto e dobbiamo farci trovare pronti”.

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml