MILANO – L’assemblea dei soci del Milan vota all’unanimità la nomina di Ivan Gazidis ad amministratore delegato del club rossonero. L’ex dirigente dell’Arsenal osserva il voto per alzata di mano dei soci rossoneri durante l’assemblea, poi si alza in piedi e accoglie l’applauso celebrativo ringraziando con la mano sul cuore.
 
IN CARICA CON LE DELEGHE – Da questo momento il manager sudafricano è in carica a tutti gli effetti. Per Gazidis qualche parola in italiano con i piccoli azionisti, ma non ancora la padronanza della lingua che dovrà essere affinata nelle prossime settimane. Dopo l’assemblea, il Cda rossonero, passato a 9 componenti con l’ingresso di Gazidis (previsto un numero massimo di consiglieri fissato a 15), ha preso in esame la distribuzione delle deleghe al nuovo ad. I soci rossoneri hanno anche approvato le modifiche allo Statuto necessarie per archiviare la governance della gestione Yonghong Li, studiata apposta per ingabbiare la componente cinese, da subito messa all’angolo visto il ruolo quasi commissariale assunto dal fondo Elliott dopo il maxi-prestito di marzo 2017. Ora si torna a un funzionamento di Cda tradizionale senza pesi e quorum differenti studiati a favore della componente italiana del Cda.
 
CANCELLATO IL VICEPRESIDENTE VICARIO – Soppressa la figura del vice-presidente vicario che aveva senso quando al vertice del Milan c’erano prima Berlusconi e poi Yonghong Li, per ragioni differenti lontani dalla vita quotidiana del club (politica e aziende per il primo, nebulosità totale per il secondo) e quindi costretti a delegare rispettivamente a Galliani e Cappelli. Adesso il problema non si pone perché Scaroni – unica figura di continuità con il Cda della gestione precedente insieme a Patuano – sarà un presidente che, pur avendo lasciato la carica di ad temporaneo, continuerà a seguire da vicino le vicende della società. Resta la figura del vice-presidente che al momento, però, non è stato nominato.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml