MILANO –  “Le partite sono tutte toste, è positivo che ci siano 60mila spettatori. Chiedo umilmente ai tifosi di avere pazienza, perché il Milan dovrà fare il Milan: non essere attendista e imporre il proprio gioco”. Così Marco Giampaolo, allenatore del Milan, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Brescia in campionato.

“Dobbiamo tornare a essere il Milan”

“I principi non cambiano, il lavoro iniziato sarà portato avanti. La squadra sta lavorando seriamente, la sento fidelizzata ed è chiaro che deve migliorare. ‘Non arretro di un millimetro, il Milan deve giocare prevalentemente nella metà campo avversaria. La partita di Udine è stata sbagliata per mancanza di conoscenze, non per volontà”, ha aggiunto il tecnico rossonero. “Il modulo? Il Milan deve tornare a fare il Milan. Non è una questione di numeri ma è una questione di uomini e di interpretazione”. “Sono contento di come si applicano i calciatori”, ha aggiunto Giampaolo. A proposito degli avversari, l’allenatore ha dichiarato: “Non ho tanti ricordi di Brescia, sono passati sei anni. Loro sono una buona squadra, somiglia molto alla mia Samp. E’ una squadra organizzata, riesce ad annullare il gap di esperienza con un lavoro collettivo straordinario. Sarà una partita da giocare bene”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml