MILANO – “Lo sport è sana competizione, è correttezza e lealtà. Mostrare la maglia di un altro giocatore per sbeffeggiarlo è prima di tutto un gesto stupido, inqualificabile, indegno dei valori dello sport e anche della maglia che indossano”. Giancarlo Giorgetti, sottosegretario con delega allo sport, commenta quanto che è accaduto ieri sera al termine di Milan-Lazio, quando Kessié e Bakayoko hanno mostrato la maglia di Acerbi per prendere in giro il difensore della Lazio che in settimana attraverso i social aveva parlato di una Lazio “con più talento” e quindi favorita al Meazza. “Mi auguro – ha concluso Giorgetti – che vengano presi i giusti provvedimenti per stigmatizzare quello che è accaduto”.

in riproduzione….

Immobile: ”Due piccoli uomini”

Le reazioni non sono mancate. Duro il post su Instagram di Ciro Immobile, compagno di squadra di Acerbi. “Due piccoli ‘uomini’ che mostrano la maglia di un campione sia in campo che nella vita… Sei un grande Leone, non ci pensare Francesco Acerbi” ha scritto l’attaccante.

Bakayoko si è scusato (“non volevo mancare di rispetto a nessuno”), lo stesso ha fatto Kessie, sempre su Instagram: “Orgoglioso di indossare questa maglia…di questi tifosi…di questa società. Le mie scuse più sincere a Francesco Acerbi. Volevo semplicemente scherzare, niente di più. Massimo rispetto per tutti”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml