MILANO – Il futuro del Milan potrebbe avvicinarsi a una svolta. Si fanno sempre più insistenti le voci di quasi 700 milioni di euro messi sul piatto per l’acquisto del club rossonero. Resta nebulosa l’identità del mittente dell’offerta. Secondo quanto riportato dall’Adnkronos, il Milan sarebbe finito nel mirino del fondo del Qatar, non riconducibile al presidente del Psg, Nasser Al-Khelaïfi, bensì a un personaggio ancora più vicino all’emiro Al-Thani. Un primo incontro tra i rappresentanti del Fondo sovrano dell’emirato e quelli del club rossonero si sarebbe svolto nel capoluogo lombardo a inizio settimana, dopo che è tramontato definitivamente l’interesse manifestato in un primo momento per la Roma.
 
Restano, comunque, molti dubbi sulla possibilità per il Qatar di investire in un altro grande club europeo fino a quando il Psg continuerà a essere controllato da Doha. Per questo non è da escludere che, in realtà, l’importante offerta abbia un’altra provenienza, ancora avvolta nel mistero. La cosa certa è che qualcosa si sta muovendo e che i contatti sono effettivamente iniziati. Così come appare sicuro che Elliott, nonostante le categoriche smentite sull’apertura di una trattativa, abbia respinto al mittente l’offerta. Il fondo statunitense, infatti, punta a risanare il bilancio del Milan con l’obiettivo di vendere il club a una cifra ben più alta di 700 milioni.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml