Nel negozio Philipp Plein di via Montenapoleone a Milano, un uomo e una donna hanno rubato con l’aiuto di una complice due giubbotti per il valore complessivo di 9mila euro. Accortisi della sparizione dei capi, i commessi hanno chiamato la polizia. Intervenuti sul posto, gli agenti hanno rilevato un’impronta digitale sulla porta del camerino e hanno allertato la scientifica.
Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, anche grazie allo studio delle telecamere interne, inizialmente un uomo e una donna sarebbero entrati nel negozio, provando i due giubbotti. Entrati in camerino, i due avrebbero lasciato le giacche all’interno e sarebbero usciti ringraziando. Subito dopo nel negozio sarebbe entrara una complice, con una busta schermata, in grado di ingannare l’impianto anti-taccheggio. Entrata nel camerino, la donna avrebbe quindi prelevato le due giacche lasciate dai complici, per poi allontanarsi a piedi.

Secondo i primi rilievi, il sospetto è che si tratti di ladri esperti, di etnia rom, che già erano stati sorpresi a rubare nel Quadrilatero della moda a Milano.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml