Milano, l’Istituto Comprensivo statale di piazza Sicilia intitolato a Umberto Eco


La vicesindaca Scavuzzo: “La sua memoria e i suoi insegnamenti un esempio per i piccoli cittadini milanesi”

Un percorso condiviso tra scuola, territorio, Comune di Milano, Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e Prefettura, che ha portato a mantenere viva la memoria di uno degli intellettuali più importanti del panorama culturale del nostro paese: da oggi l’Istituto Comprensivo Statale di piazza Sicilia è intitolato a Umberto Eco.
“Il suo nome e i suoi insegnamenti come esempio per i cittadini più piccoli”, ha dichiarato la vicesindaca Anna Scavuzzo, presente all’intitoazione. Insieme a lei la moglie dello scrittore scomparso nel 2016, Renate, e la figlia Carlotta che hanno regalato agli scolari alcuni libri e due flauti di Eco.

Milano, l'Istituto Comprensivo statale di piazza Sicilia intitolato a Umberto Eco

Dopo lo scoprimento della targa, i bambini della Scuola Primaria hanno accompagnato i presenti lungo un percorso artistico realizzato da loro e dedicato proprio a Umberto Eco, per poi mettere in scena una breve rappresentzione teatrale e un concerto. Il nome di Umberto Eco, molto amato dai milanesi che hanno riempito piazza Castello in occasione dei suoi funerali, è già iscritto al Famedio: “Filosofo, critico, saggista, scrittore e semiologo – si legge nella motivazione –  è stato un intellettuale straordinario, una figura di grande rilievo nel panorama nazionale e internazionale, un uomo che ha saputo portare il prestigio della cultura italiana nel mondo”.

Milano, l'Istituto Comprensivo statale di piazza Sicilia intitolato a Umberto Eco

“Nel corso degli anni insegnò anche in numerosi atenei americani, inglesi, brasiliani e francesi e ricevette 41 lauree honoris causa da università europee e americane, fino al ritiro nel 2007. Il suo ultimo progetto editoriale, ‘La nave di Teseo’, fu un passaggio di testimone a nuove generazioni di intellettuali, in un percorso, quello della cultura, che non si ferma mai”.
 

22 novembre 2018 – Aggiornato alle







SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml