Ha ucciso, forse, perché accecato dalla rabbia, esasperato dalla continue minacce ricevute. I suoi legali lo hanno convinto a costituirsi ai carabinieri e a confessare, resta da chiarire perché fosse in possesso di una pistola e se questa era stata regolarmente denunciata.

E’ accaduto a Molfetta, l’autore del delitto è Sergio Farinola, 43 anni, titolare del bar New Meeting, la vittima si chiamava Corrado Parisi, 47 anni, morto in ospedale a causa delle ferite riportate. Teatro del pomeriggio di follia è via Capotorti, periferia di Molfetta, a poca distanza dal Palazzo di città dove, appena mezz’ora prima si era tenuta la cerimonia in ricordo di Gianni Carnicella, il sindaco della Dc ucciso il 7 luglio del 1992 per aver negato l’organizzazione di un concerto nello stadio comunale.

I carabinieri, coordinatI dal magistrato della procura di Trani Francesco Tosto, sono alla ricerca del movente dell’omicidio. Gli avvocati dell’uomo che ha confessato il delitto spiegano che conosceva bene la vittima e che più volte sarebbe da lui stato minacciato per tornare in possesso del denaro che spendeva nelle macchinette mangiasoldi del locale.

Appena 24 ore prima, emerge dalle indagini, Farinola avrebbe anche chiamato i carabinieri per denunciare Parisi che si era presentato nel bar dicendo che avrebbe prima o poi distrutto tutto. La posizione dell’uomo è ora al vaglio degli inquirenti, l’accusa è di omicidio volontario


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop