L’ex nuotatore azzurro è stato riconosciuto colpevole di aver violato l’articolo 2.2 del codice Wada (uso o tentato uso di sostanze dopanti). L’accusa aveva chiesto otto
anni di stop


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/vari/rss2.0.xml