Aveva commosso tutti con la sua storia. Con la sua forza nel resistere allo sfratto che poi, qualche settimana fa, è arrivato. Adesso “nonno Mariano” non ce l’ha fatta: a pochi giorni dal termine della lunga battaglia giudiziaria con i suoi stessi familiari che l’ha costretto dopo 60 anni a lasciare la sua casa, nella zona di Partanna, il palermitano Mariano Lucido, 91 anni, è morto nella casa di cura che l’ha ospitato per una manciata di giorni. “Amici e amiche – è stato scritto sulla pagina Facebook nata per sostenerlo, “Tutti uniti per nonno Mariano” – purtroppo abbiamo perso un grande uomo, nonno Mariano non ce l’ha fatta… noi ti vogliamo ricordare così.. Con quel bel sorriso. Che Dio ti possa accogliere tra le sue braccia. Domani comunicheremo data ora e luogo dove si svolgerà il funerale”.

La sua vicenda – seguita anche da Le Iene – era giunta ad un epilogo a metà settembre. Da mesi, infatti, a nonno Mariano era stato intimato uno sgombero voluto da una nipote dopo una lite giudiziaria nata per questioni di eredità. Il 7 settembre era stato rinviato l’ultimo sgombero, ma la settimana successiva è arrivato lo sfratto di Lucido, affetto da un problema oncologico. Neanche tre mesi dopo “nonno Mariano” è morto. In una casa che non era la sua.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml