È stata una notte di riflessione in casa Palermo. Dopo il deludente pareggio al “Barbera” contro il Padova per 1-1 e i fischi che hanno accompagnato la squadra al rientro negli spogliatoi a fine partita, il presidente Rino Foschi si è fatto sentire negli spogliatoi e ha imposto il silenzio stampa. Si racconta di toni accesi negli spogliatoi rosanero nel post partita con Foschi che ha ricordato alla squadra quanto sia vitale la promozione in serie A.

Sul banco degli imputati anche l’allenatore Roberto Stellone per non avere impiegato alcuni giocatori nei ruoli più congeniali come Falletti mezzala anziché trequartista. La squadra continua a schierarsi con il suo tecnico, ma se avesse dovuto scegliere ieri sera Foschi avrebbe esonerato Stellone per provare a dare una scossa ai giocatori a quattro giornate dalla fine del campionato. Una mossa simile a quella dello scorso anno quando Stellone prese il posto di Tedino proprio a quattro giornate dalla fine della stagione regolare.

Nella notte le voci di un possibile esonero si sono accavallate con le smentite al punto che circolava già il nome di Delio Rossi come possibile sostituto. In realtà dopo il confronto con squadra e allenatore nel privato degli spogliatoi del “Barbera” Foschi è andato a mangiare una pizza con il segretario generale rosanero Francavilla e chi lo ha incrociato lo descrive come visibilmente stanco, ma sereno. Non proprio l’identikit di un dirigente sul punto di cacciare un tecnico.

Nelle prossime ore sarà presa una decisione definitiva sulla conferma di Stellone, scelta al momento più probabile, oppure se tentare il tutto per tutto con il secondo cambio in panchina della stagione dopo quello fra Tedino e Stellone di inizio stagione. Anche il nome di Tedino è circolato nelle ultime ore, ma il modo in cui è stato licenziato e le considerazioni che sono state fatte sul suo conto rendono poco probabile un suo ritorno alla guida del Palermo.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml