PRATO. Una ginecologa di Prato prescriveva farmaci dimagranti che contenevano sostanze vietate e nocive, pubblicizzandoli su internet e scrivendo false patologie sulle ricette. I carabinieri del Nas di Firenze hanno notificato alla dottoressa una misura cautelare che vieta l’esercizio della professione per sei mesi.  L’indagine, avviata dal Nas a gennaio e coordinata dalla Procura della Repubblica di Prato, ha interessato l’attività del medico, specialista in ginecologia ed ostetricia, che pubblicizzava, tramite  internet, la propria attività di dietologa e di trattamento dei disturbi del comportamento alimentare.

Lo sviluppo degli accertamenti presso varie farmacie, nelle province di Prato e Pistoia, hanno accertato che la dottoressa, nel periodo 2016/2018, ha redatto migliaia di ricette contenenti prescrizioni di diverse tipologie di farmaci (preparazioni magistrali in capsule da allestire in farmacia), anche ad azione stupefacente e/o psicotropa, da assumere per via orale in associazione tra loro e il cui utilizzo è vietato per scopi dimagranti.

Per eludere i controlli, la professionista aveva falsamente prescritto i medicinali destinandoli alla cura di patologie per i quali erano stati approvati [trattamenti di disturbi depressivi, ansia, problemi tiroidei, intestandoli anche a persone diverse dal paziente, ignari familiari e, in alcuni casi, a se stessa.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml