SASSARI. Condannato in via definitiva per stalking e molestie sessuali ni confronti di una fisioterapista, il primario responsabile del reparto di Cardiologia riabilitativa Stefano Lucio Masia, dell’ospedale Santissima Annunziata di Sassari è stato licenziato. Masia, 60 anni, era stato condannato in primo e secondo grado di giudizio a un anno e otto mesi. Le molestie e i soprusi inflitti dal dirigente medico alla fisioterapista risalgono al 2014. Secondo le tre sentenze, Masia molestò la collaboratrice sistematicamente, usando un linguaggio scurrile e palpeggiando la donna. Alla fine lei aveva denunciato le violenze subite alla Asl e alla Procura.

La fisioterapista era riuscita a farsi trasferire in un altro reparto. Il primario, invece, era stato sospeso per sei mesi dalla Asl, ma aveva poi vinto il ricorso davanti al giudice del lavoro ed era tornato al suo posto. Ma due giorni fa il direttore generale dell’Aou, Antonio D’Urso, su proposta della responsabile del Servizio risorse umane, Chiara Seazzu, ha firmato il licenziamento.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml