Da oggi i pacchi abbandonati avranno un futuro solidale. In occasione della 33° Giornata internazionale del Volontariato, Poste Italiane ha presentato il progetto ‘Valori ritrovati’ che devolve alle famiglie in difficoltà il contenuto dei pacchi non ritirati o non consegnati per l’impossibilità di trovare il destinatario e, fino a oggi, mandati al macero. Oggetti di ogni tipo – capi di abbigliamento, giocattoli, piccoli elettrodomestici, utensili per la casa – fino a oggi destinati alla distruzione, troveranno così nuovi proprietari.

Grazie a un accordo con la Caritas diocesana di Roma, il contenuto dei pacchi sarà infatti recuperato e consegnato agli ‘Empori della Solidarietà’ di Caritas, un circuito di supermercati che fornisce gratuitamente prodotti di prima necessità alle famiglie bisognose.

Con questo progetto “Poste Italiane dà attuazione pratica ai principi di economia circolare, aiutando migliaia di famiglie meno fortunate – ha detto l’amministratore delegato Matteo Del Fante – L’iniziativa nasce dalla volontà dell’azienda di promuovere e sviluppare la propria presenza a livello nazionale e territoriale a sostegno di iniziative di inclusione e di solidarietà sociale, favorendo la partecipazione e il coinvolgimento dei suoi oltre 135 mila dipendenti”.

Questa iniziativa “ha bisogno di poche parole, voglio solo ringraziare Poste italiane per aver creato una sintonia sociale tutti insieme.  Si tratta di una cosa che non aveva bisogno di investimenti ma solo di delicatezze e sensibilità”, ha dichiarato Don Benoni Ambarus, direttore della Caritas diocesana di Roma.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml