ROMA – Ci sono ancora alcuni dettagli da sistemare, ma la Roma è ormai ad un passo dall’annunciare il nome del suo nuovo allenatore. Salvo imprevisti, legati soprattutto alla clausola che occorre per liberarlo, sarà Paulo Fonseca a sedersi sulla panchina che quest’anno è stata prima di Eusebio Di Francesco e poi di Claudio Ranieri. Nell’incontro di ieri a Madrid con il Ceo Fienga e il futuro ds Petrachi sono state gettate le basi per un matrimonio che s’ha da fare, anche con una certa fretta, dato che tra meno di un mese la squadra dovrà radunarsi a Trigoria per iniziare a preparare il preliminare di Europa League. In questo caso, la velata speranza dei dirigenti giallorossi è che il Milan possa ritrovarsi escluso dall’Uefa lasciando così che siano Roma e Lazio ad accedere alla fase a gironi della competizione, mentre il Torino verrebbe ripescato ai preliminari. Per evitare di puntare tutto sulle disgrazie altrui, però, la Roma punta a chiudere in fretta la trattativa con Fonseca. Che è ormai in netto vantaggio su De Zerbi, una pista che appare ormai definitivamente tramontata soprattutto per questioni di tempo: se con il tecnico portoghese e con i dirigenti dello Shakhtar i discorsi sono avviati da tempo, con l’allenatore del Sassuolo (e il suo presidente Squinzi) bisognerebbe intavolare una discussione partendo quasi da zero.  

Fonseca: un trio brasiliano può seguirlo a Roma

Nel lungo vertice andato in scena ieri a Madrid, l’entourage di Fonseca ha chiesto principalmente garanzie tecniche, più che economiche. Sull’ingaggio la Roma è infatti pronta a offrire un triennale da 2,5 milioni a stagione, ma il tecnico portoghese è più preoccupato di capire che tipo di rosa si troverà in mano. Entro il 30 giugno il club capitolino dovrà infatti rientrare di una quarantina di milioni di plusvalenze: i maggiori indiziati per fare cassa sono Dzeko, in partenza verso l’Inter, e Manolas che è nel mirino della Juve. Dopo la fallimentare esperienza Monchi-Di Francesco, Petrachi non intende ripetere gli stessi errori dei suoi predecessori: l’idea è di fare quindi un mercato più in linea con le esigenze dell’allenatore. Ecco perché, secondo quanto riporta il quotidiano portoghese “O Jogo”, il futuro ds giallorosso potrebbe esaudire i desideri di Fonseca che vorrebbe portare nella Capitale un trio brasiliano di sua conoscenza. Oltre a Ismaily e Marcos Antonio, la Roma potrebbe provare a prendere anche il capitano dello Shakhtar Taison. L’esterno 31enne, che gioca in Ucraina dal 2010, era già stato accostato ai giallorossi lo scorso anno, ma poi non se ne fece più nulla.

Petrachi e i nodi con Cairo

Anche se non si è ancora insediato ufficialmente, Gianluca Petrachi è ormai a tutti gli effetti il nuovo direttore sportivo della Roma. Come dimostrano le immagini che lo hanno ripreso ieri all’aeroporto di Fiumicino, mentre tornava insieme a Fienga dal summit di Madrid dedicato a Fonseca, l’ex dirigente del Torino è ormai uscito allo scoperto. È a lui infatti che James Pallotta ha affidato la rivoluzione estiva, a lui toccherà trovare il nuovo allenatore, occuparsi di cessioni e acquisti, abbassare il monte ingaggi. Il problema è che il dirigente salentino sta lavorando per una società, la Roma, mentre risulta ancora tesserato per un’altra, il Torino. Malgrado abbia presentato le sue dimissioni alla fine del campionato, Petrachi non ha ancora ricevuto il via libera dal presidente granata Urbano Cairo, che non ha alcuna intenzione di liberarlo senza un indennizzo. A quanto pare, dopo la lettera all’Ansa in cui in cui il ds salentino annunciava il suo addio, il rapporto tra i due si è definitivamente deteriorato. A questo punto l’obiettivo di Petrachi è di chiudere la pratica con il Torino il prima possibile, magari già la prossima settimana, in modo da potersi dedicare a 360 gradi alla Roma. Non è escluso che, per sbloccare l’impasse, il club giallorosso decida di mettere sul piatto il cartellino di un proprio giovane.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml