“I primi sei mesi sono andati bene, ma il meglio deve ancora venire”: Justin Kluivert al sito olandese Elfvoetba fa il punto sulla sua esperienza alla Roma il giorno dopo aver giocato i primi 90′ interi con la maglia giallorossa a Parma. “Dentro e fuori dal campo sono visto come un adulto, ed è per questo che ho già fatto alcuni progressi. E’ necessario perché la Serie A non è una competizione facile: la differenza con la Eredivisie? In A combattiamo ogni partita molto duramente per i tre punti, non c’è una partita facile. Vale particolarmente per le partite in trasferta, anche contro le squadre che lottano per non retrocedere. Non c’è mai nulla di scontato: le più piccole sono molto forti tatticamente, fisicamente e mentalmente”.

In Olanda si chiedono se Kluivert non abbia provato l’avventura all’estero troppo presto. “Capisco questa domanda dall’Olanda, ma continuo a sostenere pienamente la mia scelta di andare a Roma: gioco i miei minuti, prendo le misure, e giochiamo meglio ogni settimana come squadra. I primi sei mesi sono stati buoni dal punto di vista personale: penso che sarò in grado di mostrare molto di più nel 2019, dal punto di vista personale e non solo. Il meglio deve ancora venire, per noi alla Roma”


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml