ROMA – È iniziata questa mattina l’avventura di Gianluca Mancini con la Roma. Mentre alle 9.30 la squadra di Fonseca scendeva in campo a Trigoria per l’allenamento aperto alla stampa, l’ex difensore dell’Atalanta arrivava nella clinica romana di Villa Stuart per svolgere le visite mediche di rito. “Sono molto contento. Un gol nel derby? Speriamo”, ha detto Mancini posando con una sciarpa giallorossa al collo: dopo gli esami, il ventitreenne di Pontedera si recherà nella sede del club a viale Tolstoj per mettere la firma sul contratto quinquennale a due milioni di euro netti a stagione. Nel frattempo, dopo la valanga di voci e indiscrezioni sul suo futuro, domani Fonseca potrà finalmente conoscere di persona Nicolò Zaniolo dato che il centrocampista ha deciso di rientrare in anticipo dalle vacanze post Europeo Under 21 per effettuare già domattina le visite mediche. Sullo sfondo rimangono le manovre di Gianluca Petrachi che, dopo Mancini e Veretout, punta ora a concentrarsi sulle esigenze del reparto offensivo. Il direttore sportivo attende solo che l’Inter formalizzi un’offerta adeguata per Edin Dzeko, dopodiché potrà affondare il colpo per Gonzalo Higuain che nel frattempo continua ad allenarsi agli ordini di Maurizio Sarri nel ritiro della Juventus. Proprio in queste ore il fratello del Pipita, Nicolas, incontrerà i dirigenti bianconeri per chiarire la vicenda una volta per tutte. La questione è molto semplice: l’attaccante argentino sa bene di essere sul mercato, è consapevole che rischia di rimanere in panchina più del previsto, ma intende comunque rimanere a Torino per giocarsi le sue chance, mentre Paratici vorrebbe invece cederlo alla Roma per tentare poi l’assalto a Icardi.

Dall’Argentina: “De Rossi al Boca Juniors, l’accordo è vicino”

Più passano le ore e più piovono conferme: Daniele De Rossi è a un passo dal Boca Juniors. Secondo quanto riporta il quotidiano ‘La Nacion’, alcune fonti interne al club xeneize avrebbero svelato che “le trattative sono in stato avanzato e che si è ormai vicini a una conclusione”. L’ex capitano della Roma, che non ha mai nascosto il desiderio di giocare nella mitica Bombonera, è quindi pronto a dire di sì al club di Buenos Aires, secondo la tradizione tifato dalla “Mitad más uno”, ovvero dalla maggioranza degli argentini. Dopo un’estate di perplessità e tentennamenti, con il corteggiamento della Fiorentina e dei suoi vecchi amici Montella e Pradè, De Rossi ha deciso quindi di continuare a giocare a calcio, ma in un altro continente. Ha scelto di accettare la proposta di un altro grande amico ed ex compagno di squadra, ovvero Nicolas Burdisso, il direttore sportivo del Boca che più di ogni altro ha creduto e portato avanti questa trattativa. Lo stipendio che De Rossi percepirà è di 500 mila euro per otto mesi e sarà il terzo italiano nella storia del Boca Juniors (gli altri sono stati Nicolas Novello e Francesco Serafino). Se i tifosi xeneizes hanno già accolto con grande entusiasmo l’arrivo del campione del mondo azzurro, i media argentini (che danno il giocatore in arrivo a Baires già nel weekend) si interrogano sulle sue condizioni fisiche: oltre ai vecchi problemi al ginocchio, Diario Olè ricorda infatti nella sua edizione online come il centrocampista sia fermo dal 26 maggio scorso, data della sua ultima partita con la Roma.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml