È iniziato nel carcere di Regina Coeli, di fronte al gip di convalida del fermo, l’interrogatorio di Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due giovani di Acilia che hanno sparato nella notte tra sabato e domenica fuori da un locale in zona Axa ferendo gravemente il nuotatore Manuel Bortuzzo, rimasto paralizzato. Per i due il reato contestato è quello di tentato omicidio con l’aggravante della premeditazione.

Dovranno spiegare perché hanno riso, Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, dopo aver sparato alla promessa del nuoto Manuel Bortuzzo. E poi hanno gridato: “E ora questa piazza è nostra”. A raccontarlo alla polizia è stato un residente che si è affacciato sulla piazza dopo i tre spari.

rep

È alla luce di questa frase, e del quadro che si sta delineando nelle ultime ore, che la sparatoria dello scorso 2 febbraio all’Axa fa un salto di qualità. Tanto che la procura sta valutando di aggiungere l’aggravante mafiosa alla contestazione di tentato omicidio. Inquadrare la sparatoria nel giusto contesto, e tracciare la mappa dei malavitosi che abitano il litorale romano e il suo entroterra e governano le piazze di spaccio diventa perciò fondamentale.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml