ROMA – Mancano ancora undici giorni all’inizio ufficiale del calciomercato estivo, ma il futuro direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi è ormai attivo già da parecchie settimane con l’obiettivo di mettere a disposizione del nuovo allenatore Fonseca una rosa forse non da primo posto, ma certamente in grado di lottare per un piazzamento Champions. Il ds salentino, ancora in attesa di liberarsi dal Torino, verrà affiancato molto presto da Morgan De Sanctis: l’ex portiere giallorosso diventerà infatti il suo vice e lo affiancherà nel lavoro quotidiano. Un lavoro che per il momento si concentra in particolar modo sulle cessioni, dato che il mercato romanista sarà all’insegna delle plusvalenze: in altre parole, a breve diranno addio pezzi pregiati della rosa come Manolas, sempre più vicino al Napoli, e Dzeko che ha già l’accordo con l’Inter. Sulla lista dei partenti è finito nelle ultime ore anche Aleksandar Kolarov, poiché in Turchia danno il giocatore serbo in trattativa avanzata con il Fenerbahce. Il club di Istanbul avrebbe trovato l’accordo economico con il terzino sinistro, ma mancherebbe quello con la Roma che non intende svalutarlo.

Zaniolo, il padre: “Non sappiamo con chi parlare… “

Tra chi attende di conoscere il proprio destino c’è senza dubbio Nicolò Zaniolo, che negli ultimi mesi è finito sul taccuino di molti top club europei come la Juventus. Il ds bianconero Fabio Paratici lo segue da tempo e spera di poterlo strappare alla Roma già quest’estate, anche se il club di Pallotta non intende in alcun modo privarsi del gioiellino di Massa Carrara. Mentre Zaniolo è impegnato con l’Italia nell’Europeo Under 21, a fare chiarezza sul suo futuro in giallorosso ci ha pensato il padre Igor, che ha escluso l’addio del figlio dopo una sola stagione in a Roma. “Nicolò ha un contratto di quattro anni, non vedo motivo di pensare che vada via – ha spiegato Igor Zaniolo all’emittente radiofonica romana Centro Suono Sport – Poi se ci sono altri problemi societari non dipende da lui. Al momento, però, non sappiamo ancora con chi parlare, il direttore sportivo non è stato ancora ufficializzato, appena l’organigramma della società sarà definito sicuramente saremo i primi ad essere chiamati”.

A ben vedere, nell’ultimo periodo Zaniolo non sembra aver brillato come ci si attendeva. Nella sconfitta dell’Under 21 di ieri sera contro la Polonia, il talento 20enne ha giocato dieci minuti scarsi ed è entrato nelle cronache solo per un brutto fallo che gli è costato il giallo e per cui avrebbe meritato il rosso. Pure con la Roma ci sono state alcune difficoltà nel finale di stagione, legate soprattutto all’arrivo di Claudio Ranieri che gli ha cambiato ruolo e lo ha costretto a qualche sacrificio in più rispetto a Eusebio Di Francesco. Anche il padre Igor non ha nascosto il periodo tutt’altro che brillante che ha vissuto il figlio negli ultimi mesi. “Per un giovane è fondamentale la fiducia, Di Francesco ha capito che Nicolò avesse bisogno di fiducia, gliel’ha data mentre Ranieri per varie contingenze gliene ha data meno – ha spiegato il padre del calciatore -. Conosco poco Fonseca, ma vorrà una squadra di corsa, fresca, con un gioco offensivo, che si sposa perfettamente con le caratteristiche di Nicolò”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml