ROMA – Risolvere il rebus della difesa è la priorità di Petrachi che, a tre settimane dall’esordio in campionato contro il Genoa, inizia ad avere una certa fretta. Se in attacco la questione pare avviata a una conclusione molto più domestica del previsto, ovvero con la permanenza a Trigoria di Edin Dzeko, per quanto riguarda il reparto arretrato l’urgenza di trovare un centrale esperto e affidabile sta diventando una spada di Damocle assai scomoda. Alderweireld rimane il primo nome sulla lista del direttore sportivo giallorosso, convinto di far leva sul fatto che l’allenatore del Tottenham Pochettino non intende più puntare sul difensore belga. La scadenza dell’8 agosto, quando chiuderà il mercato entrata in Premier, rappresenta un ostacolo più per il club inglese che per quello capitolino, perché dopo quella data Oltremanica sarà comunque possibile perfezionare operazioni in un uscita. E stando a quanto trapela da Londra, gli Spurs sarebbero disponibili a lasciar partire Alderweireld anche dopo l’8 agosto senza rimpiazzarlo. La trattativa tra le due società, in ogni caso, va avanti. La Roma nelle prossime ore farà un ulteriore tentativo aumentando l’offerta fino a venti milioni più bonus, sperando che il giocatore faccia un cenno mostrando la volontà di essere ceduto. Invece, proprio come sta accadendo a parti invertite con Dzeko, il belga continua ad allenarsi e giocare con estrema professionalità. Entrato nel secondo tempo al posto del connazionale Vertonghen, ieri Alderweireld ha giocato 45 minuti nell’amichevole contro l’Inter mostrando una buona condizione fisica. Fonseca ha già dato da mesi l’ok per il suo arrivo, mentre non è sembrato molto convinto delle alternative, come Pezzella della Fiorentina, che gli sono state proposte.

Mancini: “Fonseca è sicuro delle sue idee. Roma è magica, orgoglioso di essere qui”

Arrivato a Roma dall’Atalanta per 25 milioni di euro, Gianluca Mancini dovrà convivere con la scomoda etichetta di essere il difensore centrale più caro dell’era americana, cioè dal 2011. Il 23enne di Pontedera è stato uno dei primi tasselli della ricostruzione avviata da Gianluca Petrachi all’insegna di acquisti giovani e possibilmente italiani e si troverà a raccogliere la pesante eredità lasciata da Kostas Manolas. Come il greco, anche Mancini ha il vizio del gol, come dimostra la doppietta messa a segno pochi giorni fa nell’amichevole contro il Perugia. In attesa che sul mercato la Roma gli trovi un compagno di reparto esperto, il difensore azzurro oggi ha rilasciato una lunga intervista al sito web del club giallorosso in cui non ha lesinato elogi al suo nuovo tecnico. “Fonseca – ha detto Mancini – è sicuro di sé e delle sue idee. È molto diretto e ti dice apertamente se fai bene o male. Siamo all’inizio, ma mi ha subito fatto una buona impressione. Il mister dialoga molto con il gruppo e con i singoli. L’intensità degli allenamenti è alta, i primi giorni sono rimasto a bocca aperta”. Inevitabile un messaggio ai tifosi romanisti, desiderosi come non mai di assistere a una stagione migliore rispetto a quella fallimentare dello scorso anno. “Roma ti dà un senso di magia e sono orgoglioso di essere arrivato qui. Ai tifosi dico che da parte mia vedranno sempre il massimo impegno per questa maglia – ha garantito il difensore -. Dobbiamo cercare di creare qualcosa di nuovo per arrivare a grandi obiettivi. Il gruppo è giovane, siamo all’inizio, ma da parte nostra ci sarà il massimo impegno in allenamento e in partita”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml