ROMA – All’indomani dell’amichevole con il Gubbio, la Roma si appresta a concludere la terza settimana di allenamenti agli ordini di Paulo Fonseca. Sotto il sole cocente di Trigoria, il tecnico portoghese sta proseguendo i suoi esperimenti tattici ricevendo segnali piuttosto incoraggianti dal gruppo. Dal dirottamento di Florenzi nel ruolo di esterno alto passando per lo spostamento di Pastore come regista: sono tante le intuizioni che Fonseca sta cercando di rendere concrete in questo ritiro estivo scandito dalle amichevoli a porte chiuse. Il nodo però rimane sempre l’attacco, dal momento che a un mese di distanza dall’inizio del campionato la Roma non ha ancora la certezza di chi sarà il terminale offensivo titolare della prossima stagione. La trattativa con Higuain sta vivendo una fase di stallo, con l’argentino che prosegue la sua tournée asiatica con la Juventus lanciando precisi segnali che portano verso una sua permanenza a Torino. Petrachi continua a ritenere Higuain l’obiettivo numero uno per l’attacco, consapevole che manca ancora molto tempo alla chiusura del mercato, ma negli ultimi giorni ha iniziato a sondare il terreno per eventuali piste alternative. L’ultima indiscrezione arriva dal Brasile, dove la stampa locale ha reso noto l’interesse dei giallorossi per Junior Moraes. Il 32enne brasiliano, naturalizzato ucraino, è un vecchio pupillo di Fonseca che lo ha allenato allo Shakhtar Donetsk e, secondo Globoesporte, lo avrebbe segnalato a Petrachi come Piano B qualora sfumasse Higuain. Stando a quanto riporta il portale brasiliano, l’attaccante (capocannoniere dello scorso campionato ucraino) avrebbe già dato l’ok a trasferirsi nella Capitale e soprattutto si tratterebbe di un’operazione dal costo molto basso, dato che Moraes ha il contratto in scadenza nel 2020.

Veretout: “La Roma È un passo avanti nella mia carriera”

Dopo Spinazzola, Pau Lopez, Mancini e Diawara, oggi è stato Jordan Veretout a presentarsi alla stampa. Il centrocampista francese arrivato dalla Fiorentina ha sottolineato l’importanza che ha avuto Fonseca nella sua scelta di venire nella Capitale. “Se ho preferito la Roma al Milan é perché mi ha convinto il mister – ha spiegato Veretout -. Le sue parole al telefono mi hanno persuaso a venire qui: questo è un passo avanti nella mia carriera. La Roma è un grande club e tutti gli anni ambisce a giocare la Champions League. Il nostro obiettivo e tornarci già la prossima stagione, sta a noi impegnarci per riuscirci. Il mio ruolo? È molto diverso giocare a tre o a due a centrocampo. Diciamo che a tre sarei una mezzala, mentre a due serve il giusto equilibrio per dare propensione offendi se copertura al centrocampo”. Dopo Spinazzola, Pau Lopez, Mancini e Diawara, oggi è stato il turno di Jordan Veretouta incontrare la stampa per la consueta conferenza di presentazione. Il centrocampista francese arrivato dalla Fiorentina ha risposto alle curiosità dei cronisti accompagnato da Morgan De Sanctis, collaboratore del ds Petrachi
 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml