ROMA – Dopo il derby perso, la Roma decide il futuro di Di Francesco. Una riunione fiume nella notte dell’Olimpico tra i dirigenti Fienga, Baldissoni, Monchi e Massara ha aperto la crisi romanista e dell’allenatore: nessuno si aspettava una sconfitta così, con un atteggiamento tanto arrendevole fin dall’inizio, in una patita chiave come un derby e che avrebbe potuto valere l’aggancio al quarto posto dell’Inter.

La prima cosa da capire, al di là delle rassicurazione formali del gruppo, è se la squadra segua ancora l’allenatore. Una domanda che probabilmente si sta ponendo in questi minuti anche lo stesso Di Francesco. Stamattina, a Trigoria, i dirigenti parleranno con lui e con i calciatori per capire se ci sia la convinzione di poter rianimare una squadra apparentemente morta. Ovviamente la partenza imminente per Oporto, dove la Roma si giocherà mercoledì la qualificazione ai quarti di Champions League contro il Porto, rende il quadro ancora più complesso. Soluzioni pronte non ne ha nessuno, la solita lista di nomi scartata tante volte pensando che Di Francesco fosse la soluzione migliore per arrivare (almeno) fino a fine stagione. Un pensiero per cui nessuno però oggi metterebbe più la mano sul fuoco.
 



SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml