GENOVA – Una doppietta dell’intramontabile Fabio Quagliarella consente alla Sampdoria di fare un sol boccone del Bologna nell’ultimo anticipo della 14esima giornata di Serie A. Dopo il pari nel Derby, il 4-1 di Marassi, a pochi giorni dalle vicende societarie che hanno scosso l’ambiente, consente alla squadra di Marco Giampaolo di tornare alla vittoria in casa dopo circa due mesi e di agganciare momentaneamente Roma e Sassuolo al settimo posto con 19 punti. Di Praet e Ramirez le altre due reti doriane. Non basta al Bologna il momentaneo pareggio di Poli. Per la squadra emiliana è sempre più crisi nera, la settima sconfitta stagionale vuol dire terzultimo posto in piena zona retrocessione. Ora la panchina di Pippo Inzaghi è davvero a rischio. Le prossime ore potrebbero essere decisive.

Nella Sampdoria, Giampaolo schiera a sorpresa Ronaldo Vieira dal 1′ a centrocampo, conferma la coppia centrale Tonelli-Andersen e schiera ancora Ramirez alle spalle di Caprari e Quagliarella in avanti. Nel Bologna, Pippo Inzaghi si affida alla coppia d’attacco formata da Falcinelli e Santander nel consueto 3-5-2. Dagli spalti di Marassi striscioni e cori di incoraggiamento per l’ex idolo dello Scudetto, Luca Vialli, impegnato nella battaglia contro un cancro.

Primo tempo giocato a viso aperto dalle due squadre. Sampdoria in vantaggio praticamente alla prima occasione buona, con Praet che al 10′ finalizza con un bel destro da centro area un assist di Caprari dalla sinistra. La replica dei rossoblu di Inzaghi prima con una occasione per Santander, fermato da Audero, poi con il pareggio firmato in mischia al 16′ dall’ex di turno Poli. Il centrocampista non esulta dopo aver battuto Audero. Al 25′ la Samp torna in vantaggio con il 36enne Quagliarella, abile a battere il portiere con un destro dal limite dopo una palla rubata di Ramirez e Pulgar. Gli emiliani accennano a una reazione, ma al 40′ subiscono anche il terzo gol ad opera dell’ex Ramirez con con un bel diagonale sinistro su assist in profondità di Caprari.

Nella ripresa, il Bologna prova a riaprire la partita con un forcing nella metà campo doriana. Inzaghi inserisce Palacio al posto di un abulico Falcinelli e Orsolini per Calabresi per cercare di dare maggior vivacità e concretezza in avanti. La Samp, però, si difende con ordine concedendo pochi spazi. E’ di Krejci, su sponda di testa di Santander l’occasione migliore del Bologna, troppo poco. Al 69′, infatti, alla prima occasione della ripresa la Samp cala anche il poker con un sinistro da centro area di Quagliarella su cross basso dalla sinistra di Linetty. Sono già sette le reti in campionato per il bomber doriano. La partita di fatto si chiude qui. Per il Bologna e il suo allenatore è ormai notte fonda, sotto tutti i punti di vista.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml