GENOVA – Un altro derby con il sorriso per Marco Giampaolo, ancora imbattuto sulla panchina della Sampdoria nella stracittadina genovese. A Marassi i blucerchiati si sono imposti per 2-0 sul Genoa e continuano dunque ad inseguire un piazzamento che valga un posto in Europa nella prossima stagione.

GIAMPAOLO: “SIMBOLO DI CIVILTA’ DERBY GENOVESE” – “Nei derby bisogna giocare due partite: una dal punto di vista emozionale e una dal punto di vista tecnico – ha spiegato il tecnico blucerchiato ai microfoni di Sky – Bisogna isolarsi da situazioni che potrebbero disperdere inutilmente energie anche se non è semplice: sono partite dure e difficili, si cerca di tenere la squadra impegnata sulla parte tecnica durante la settimana. Però quando siamo arrivati allo stadio abbiamo visto i colori mescolarsi, il derby della Lanterna è da sempre un segno di grande civiltà ed è doveroso e giusto sottolinearlo”.

“HO TANTI BUONI GIOCATORI, DURA FARE DELLE SCELTE” – I doriani hanno indirizzato l’incontro con due reti in apertura di entrambi i tempi, la prima ad opera di Defrel e la seconda con Quagliarella su rigore. “Per gli avversari è diventata difficile dal punto di vista psicologico e noi abbiamo giocato in gestione. Ho chiesto ai miei di palleggiare, ma si fa fatica a farsi sentire in campo per il clima presente allo stadio – ha ammesso Giampaolo, passando poi ai commenti sui due marcatori di giornata – Defrel è arrivato a Genova con un po’ di discontinuità, a Roma si era anche infortunato, ma è un giocatore forte e completo, è un titolare come lo sono anche Caprari, Sau, Saponara: adesso siamo in sette davanti, faccio fatica nel fare scelte, chi riesce a ritagliarsi un minutaggio maggiore possiede qualità sopra la media. Quagliarella? Insegna più lui a me che viceversa: basta guardarlo in allenamento per imparare sempre tante cose”.
 
QUAGLIARELLA: “GIORNATA BELLISSIMA, RINGRAZIO TUTTI” – “Ringrazio questo pubblico fantastico per farmi vivere giornate del genere. Per me è andata benissimo con gol e assist: è stata una partita indimenticabile”. Questo il commento di Fabio Quagliarella, protagonista e uomo partita nella vittoria della Samp. Il capitano blucerchiato ha segnato la rete numero 22 ed è al comando nella classifica cannonieri. “Il campionato è ancora lungo, insieme a me ci sono altri grandi attaccanti: la Serie A è affascinante anche per questo – ha proseguito ai microfoni di Sky – Corsa all’Europa? Dobbiamo continuare così, sembrano frasi fatte ma ogni volta che dobbiamo compiere il salto di qualità ci fermiamo. Dobbiamo crederci, da domani penseremo alla prossima partita”. Chiosa finale sul tributo che la curva di Marassi gli ha riservato al termine del match: “Vorrei ringraziare tutti, ho sempre detto che se non mi cacciano resto qui”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml