GENOVA – “Il derby è il derby”. Così Marco Giampaolo apre la conferenza stampa a Bogliasco alla vigilia della sfida con il Genoa. “Il derby ha un valore sportivo importante per la città – spiega l’allenatore della Sampdoria – Il dramma di Genova e le difficoltà che sta vivendo non vanno però confuse con il calcio. Nella vita di tutti i giorni abbiamo visto stenti, sfollati e lutti, ma lo sport è qualcosa di diverso, qualcosa che fa sì che si stia insieme. Anche quando di mezzo ci sono rivalità e sfottò”.

“Chi l’ha giocata sa che è un’emozione unica – continua l’ex mister dell’Empoli, parlando della Stracittadina – va giocata e vissuta in una maniera e con un’emozione, appunto, tutta particolare. Se è una partita difficile da preparare? No, è la più semplice. Non devi mettere nulla, ma piuttosto togliere. Emozioni e motivazioni vengono da loro: i calciatori lo sentono già durante la settimana. Video, filmati, e poi il calore della gente e pure le parole di chi già è sceso in campo: tutto questo aiuta chi ancora lo devo giocare a capire che cosa è in realtà il derby”.

Giampaolo si sofferma poi sullo stato di salute della squadra, fisico e mentale: “Abbiamo rimesso a posto i giocatori in questi giorni, qualcuno sta meglio, qualcuno meno. Vedremo domani dopo la rifinitura. La sosta è stata un vantaggio, tra virgolette, perché ha interrotto un ciclo negativo. Ma l’abbiamo fatta tutti: noi e loro. Ad ogni modo, il derby resetta. Azzera. È diverso da tutto. Non lo devi subire però, la devi giocare. E senza paura”.

“Noi e loro? Mondi opposti – sentenzia Giampaolo – Non ce n’è uno migliore dell’altro, ma abbiamo due modi di vedere le cose completamente opposti. A noi lo spazio, a loro l’uomo. Attacco degli spazi, non buttare via la palla, dare battaglia in ogni punto del campo: questo è ciò che fa il Genoa. Dovremo essere bravi ad adattarci al loro modo di giocare, facendo però il nostro. Perché a noi interessa che si giochi a calcio, senza farci trascinare in una partita sporca, di guerra… Ho rispetto per Juric e per il Genoa, ma ho soprattutto fiducia nella mia Samp”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml