MILANO – Dopo le finali di Champions ed Europa League, può iniziare il giro di valzer delle panchine europee. Con un occhio però alla sede Uefa di Nyon dove la decisione della Camera Giudicante sulla situazione del fairplay finanziario del Manchester City potrà influire su questi movimenti.

Tra Sarri e Guardiola

Si è mossa in anticipo l’Inter annunciando l’arrivo di Antonio Conte alla vigilia della sfida tra Tottenham e Liverpool a Madrid. Adesso la casella più attesa è quella della Juventus. La pista più visibile porta a Maurizio Sarri che si sta liberando dal Chelsea dopo i mesi di freddezza con Abramovic, non compensati da un finale esaltante con il 3° posto in Premier e la conquista dell’Europa League. Il passo avanti decisivo verso la panchina bianconera dovrebbe arrivare dopo questa definizione delle modalità di risoluzione contrattuale dai Blues. Ma sottotraccia continua a correre l’ipotesi Guardiola. L’allenatore catalano, anche poche ore fa, ha rilasciato una dichiarazione nella quale parla da allenatore del City per la prossima stagione. Ma è evidente che non potrebbe fare diversamente. Fino alla sentenza Uefa sui Campioni d’Inghilterra non potranno esserci segnali ufficiali di una separazione con Guardiola. Quello sarà uno snodo fondamentale. A meno che nel frattempo la Juventus non compia gli ultimi passi per trovare l’intesa con Sarri. Solo questo passaggio interromperebbe davvero le voci su Guardiola che continuano ad avere un loro fondamento.

Giampaolo, Inzaghi e Fonseca

Un’eventuale esclusione del City dalla Champions aprirebbe scenari imprevedibili. Attende anche Pochettino indicato come possibile successore proprio di Guardiola al City. Se non si innescherà questo domino, l’allenatore argentino potrebbe restare al Tottenham. Tra le grandi europee c’è un punto interrogativo sulla panchina del Bayern Monaco. Nelle scorse settimane si erano fatti i nomi di Allegri e Van Bommel al posto di Niko Kovac. Beckenabuer sogna Klopp, ma sarà difficile portarlo via da Liverpool. Tornando in Italia il Milan è sempre più vicino a Giampaolo sul quale punta Maldini che oggi accetterà l’incarico di direttore tecnico proposto da Gazidis. Più defilati Di Francesco e De Zerbi. L’altro papabile per la panchina rossonera, Simone Inzaghi, resterà alla Lazio. Lotito ha annunciato il rinnovo dell’allenatore che ha conquistato la Coppa Italia in finale con l’Atalanta. La Roma invece è a un passo da Paulo Fonseca, il portoghese dello Shakhtar Donetsk. Anche in questo caso l’alternativa è rappresentata da De Zerbi. Esce dal lotto Mihajlovic che sta per rinnovare con il Bologna. Alcuni tasselli stanno andando a segno, ma il grande gioco deve ancora esprimere i suoi verdetti più attesi.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml