REGGIO EMILIA – Parolo-Ferrari, Sassuolo-Lazio finisce 1-1 per un pareggio tutto sommato giusto al Mapei Stadium. Bicchiere mezzo pieno per entrambe le squadre con gli emiliani che allungano a 4 le partite senza sconfitte mentre per i capitolini si tratta del primo pari da inizio stagione.

BOTTA E RISPOSTA – De Zerbi sceglie il 3-5-2 lasciando in panchina Di Francesco e preferendo Locatelli a capitan Magnanelli. Inzaghi recupera Lulic e Leiva e rilancia Luis Alberto dal 1′. I primi minuti confermano le attese della vigilia con due squadre votate all’attacco: e così al 7′ Immobile pesca in area Luis Alberto, la conclusione dello spagnolo viene salvata sulla linea da Magnani, ma Parolo sulla respinta non può davvero sbagliare. La gioia degli ospiti non dura nemmeno 10′ perché allo scoccare del primo quarto d’ora Ferrari si conferma difensore goleador rubando il tempo a Lulic in un calcio d’angolo e trafiggendo Strakosha per l’immediato pareggio.

IL PALO DICE NO A IMMOBILE – La partita è divertente e dà la sensazione di potersi nuovamente sbloccare da un momento all’altro, soprattutto alla mezzora quando Immobile, ben imbeccato da Luis Alberto, centra il pieno il palo con un potentissimo destro. Nella ripresa il ritmo pian piano cala, la Lazio accusa le fatiche dell’Europa League mentre il Sassuolo si rende raramente pericoloso nell’area avversaria ben gestita dall’ex Acerbi.

Nel finale due brividi con Strakosha che sbaglia clamorosamente un rinvio servendo Babacar che per poco lo beffa con un pallonetto, mentre Correa si traveste da Alberto Tomba saltando in slalom tre avversari concludendo però alto sopra la traversa. Sono le ultime emozioni prima del triplice fischio dell’arbitro Calvarese per un pareggio giusto che sta bene sia a De Zerbi che a Inzaghi. Da registrare la prova anonima e incolore (l’ennesima) di Milinkovic-Savic, lontano parente dello giocatore straripante dell’anno scorso.

SASSUOLO-LAZIO 1-1 (1-1)
SASSUOLO (3-5-2): Consigli 6; Marlon 6, Magnani 6.5, Ferrari 7; Lirola 6, Duncan 6, Locatelli 6 (36’st Rogerio sv), Sensi 6 (23’st Djuricic 6), Adjapong 6; Berardi 5.5, Boateng 5 (40’st Babacar sv). In panchina: Pegolo, Dell’Orco, Lemos, Peluso, Di Francesco, Magnanelli, Trotta, Brignola, Matri. Allenatore: De Zerbi.
LAZIO (3-5-1-1): Strakosha 5,5; Luiz Felipe 6, Acerbi 6,5, Radu 6; Patric 5, Parolo 7, Leiva 5.5 (33’st Berisha sv), Milinkovic-Savic 4,5, Lulic 5.5 (27’st Lukaku 6); Luis Alberto 6 (11’st Correa 6); Immobile 6. In panchina: Proto, Bastos, Wallace, Durmisi, Marusic, Cataldi, Murgia, Badelj, Rossi. Allenatore: Inzaghi.
ARBITRO: Calvarese di Teramo.
RETI: Parolo al 7′ e Ferrari al 15′.
AMMONITI: Duncan, Radu, Luis Alberto, Adjapong, Luiz Felipe, Marlon e Locatelli.
ANGOLI: 6-2 per la Lazio.
RECUPERO: 0′ e 3′.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml