Decapitato il Cartello di Gomorra. Sono scattati nella notte 126 arresti nei confronti dell’Alleanza di Secondigliano, l’organizzazione camorristica che riunisce i clan Contini, Licciardi e Mallardo, storicamente egemoni nel centro e nella periferia settentrionale di Napoli e da sempre infiltrati nell’economia e nell’imprenditoria in diverse regioni italiane.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Napoli con la collaborazione della poliza di Stato e della Dia.

Per altri 33 indagati, il giudice non ha emesso la misura cautelare, pur ravvisando i gravi indizi.

in riproduzione….

Un’inchiesta imponente, che nasce dall’analisi di dodici diverse informative ed è diretta dalla pm del pool anticamorra Ida Teresi con le pm Alessandra Converso e Maria Sepe con il coordinamento del procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli. Anche il procuratore capo Giovanni Melillo ha seguito personalmente gli sviluppi del lavoro investigativo, che ha fatto venire alla luce le ramificazioni dell’organizzazione criminale, le sue complicità e il coinvolgimento di cinque donne accusate di ricoprire il ruolo di capocamorra.

Accanto agli arresti è scattato il sequestro di numerosi beni ritenuti di provenienza illecita: il tesoro del cartello di Gomorra.
 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop