Facebook rischia una multa miliardaria negli Usa per lo scandalo dell’ormai fallita Cambridge Analytica con la quale avrebbe condiviso i dati privati di 87 milioni di utenti e per altri casi di violazione della privacy.

Lo scrive il Washington Post segnalando che il social media sta patteggiando con l’autorità statunitense Federal Trade Commission (Ftc) e che non è stato ancora trovato un accordo sull’entità della multa.

L’intesa contemplerà anche cambiamenti obbligatori nel business della società di Mark Zuckerberg. La multa più grande mai inflitta fino ad ora dalla Ftc per violazione della privacy ha riguardato Google nel 2012, pari a 22,5 milioni di dollari.




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml